2009 World Championships: Giovedì Blog

Posted in Event Coverage on November 20, 2009

By Wizards of the Coast

INDICE

BLOG

Thursday, November 19: 10.20 a.m. – Colony: la riunione dei campioni

by Andrea Vitali

Ecco tutti (o quasi!) o partecipanti alla Colony! Un unico obiettivo: centrare il top 8 dei campionati del Mondo di Magic 2009 nella capitale della nostra nazione e perchè no, magari piazzarsi sul podio o addirittura coronare quel sogno che mai nessuno dei nostri è riuscito a raggiungere... laurearsi Campione del Mondo. Tanti gli avversari, provenienti da ogni parte del globo, agguerriti e decisi ad aggiudicarsi la vittoria finale. I mondiali di Magic si disputeranno su tre prove distinte, due di costruito (Tipo 2 ed Extended), e una di limited (Booster Draft), con sei turni da disputare in tutte le specialità. Per i componenti della nostra nazionale Ravagli, Calvetto, Estratti e Monetto ci sarà un ulteriore fatica, i quattro turni extra a squadre, validi esclusivamente per la classifica delle nazionali, dove le prime 4 in graduatoria si contenderanno domenica il titolo.

Boros contro Elfi... uno scontro che potremmo vedere sui vari tavoi di gioco!Garruk e il Drago terrorizzano la Guida Goblin!Aperto il pacchetto si cerca la carta migliore per il proprio mazzoChi avrà costruito il mazzo più forte? Kratter o Gorghetto?Ecco i residui di un draft!Dopo cena si torna a draftare!Quando non si hanno a disposizione le carte ecco le mitiche proxy! Proprio per aiutare i nostri compatrioti qualificati all’evento si sono riuniti a Santa Severa, cittadina del litorale nord romano, 25 tra i migliori giocatori dello stivale per una intensa sessione di test e brainstorming. Si dorme poco e si gioca tantissimo con qualche pausa per sgranchirsi le gambe e darsi una stiracchiata, per capire se in standard Boros è il mazzo più forte, o se Jund è la scelta migliore, oppure se c’è la possibilità di inventarsi qualche fantasioso mazzo combo, o qualche “noiosissimo” mazzo di controllo per cercare di mettere in cascina più punti possibile. . Non pochi grattacapi crea anche l’extended, dove Dredge, Zoo e Dark Depths combo si contendono la palma di favoriti, ma l’ampia scelta di carte del formato potrebbe presentare qualche sorpresa inaspettata, come spesso è successo nella storia di questo formato. E infine il Booster Draft. Per alcuni è il formato dove esce veramente la qualità e lo spessore del giocatore. . Per altri conta di più la fortuna inerente alla qualità delle carte che si trovano nella bustina. E’ opinione comune che sia necessario interpretare i segnali dati dai giocatori vicini, e sperare che questi capiscano quelli che gli vengono dati, per evitare di rovinare la propria strategia di gioco. Come per la maggior parte delle cose esistenti a questo mondo la verità è un giusto mix di tutti questi elementi. Trovare la rara forte, ricevere e mandare giusti segnali, e essere in grado di trovare una sinergia anche tra carte mediocri è la chiave per il successo. E quando non si gioca per i punti, si gioca per la gloria... o per portarsi a casa tutte le carte trovate nei pacchetti! Il rumore del mischiare i mazzi, dello sbustare pacchetti, e i dialoghi goliardici tra giocatori, vengono interrotti solo dal suonare della campanella che annuncia il pranzo e la cena della struttra ospitante. I tavoli si svuotano alla velocità della luce, ma solo per il tempo necessario a fare il pieno di energia. Si mangia rapidamente e si ritorna celermente sui tavoli per continuare a cercare il mazzo perfetto fino a notte fonda quando la stanchezza vince sui giocatori, che si ritirano in buon ordine nelle proprie stanze, ma solo per qualche ora necessaria a riposare la mente, e ad infondere nuove energie per la giornata successiva. Trovare le 60 carte magiche sono la chiave per il successo finale, che tutti i nostri ragazzi sperano di raggiungere. Noi facciamo il tifo per loro!!!

Thursday, November 19: 10.50 a.m. – Colony: la riunione dei campioni

by Andrea Vitali

Quando non si hanno a disposizione le carte ecco le mitiche proxy!Il riunirsi alla Colony non è stata solo un’occasione per aiutare i ragazzi qualificati a trovare i migliori mazzi possibili di Standard ed Extended, o per fare dei draft dei formati validi per i campionati del mondo. E’ infatti stata un’occasione stupenda per reincontrare amici che non si vedono da tempo, un happening che ha fatto si che, tra gli altri, da Bari e da Udine si muovessero due delle leggende viventi del Magic Italiano, Giovanni Intini e Maurizio Vergendo , che, come chi vi scrive, hanno visto nascere e crescere Magic in Italia, sin dalle prime edizioni... si narrano leggende secondo le quali qualcuno di questi loschi figuri abbia addirittura acquistato dei pacchetti di UNLIMITED e ANTIQUITIES!!!!

Senza giacca sembra quasi un giocatore vero di Magic!Carte di tutte le espansioni, combo mirabolanti ed effetti speciali garantiti!I più attenti possono ammirare un bel Mox Jet!Mai avuto il coraggio di giocare Homarid... ma di mangiarli... SI SI SI! Fonti confidenziali, che vogliono assolutamente rimanere anonime, hanno riferito che l’ing. Lup. man. Davide “Tolle” Bonati, super direttore galattico del Magic paneuropeo, si sia presentato in persona alla Colony per visitare i giocatori italiani e incoraggiarli in vista della competizione. Il megadirigente, privatosi della giacca e cravatta d’ordinanza, si è mischiato con i giocatori sfidandoli sul loro terreno, carte in mano, per verificare il loro livello di competitività. Questa foto conferma l’apparente veridicità della notizia. Il magnanimo figuro di cui si è parlato ha poi “spezzato la monotonia” dei formati legali per i tornei, donando alla massa il suo... SCATOLLONE!!! una specialità ideata per puro e semplice divertimento, progenitore del formato conosciuto in tutto il mondo come “THE CUBE”. Ma in cosa consiste esattamente questo formato? 360 carte, tra le più forti stampate, e spartite equamente tra i vari colori e gli artefatti, vengono selezionati e messe a disposizioni dei giocatori per fare Booster, Solomon o Rochester Draft, individuali o a squadre, o formati ai più sconosciuti, inventati proprio per questa “specialità”. A seconda della ricchezza del pool di carte può capitare di poter scegliere tra un Morphling, ed un Mox Jet , tra un Bitterblossom ed una Strip Mine, e realizzare mazzi con una unica limitazione: avere a disposizione massimo una carta per tipo. Divertimento assicurato con la possibilità di aperture molto efficaci e molto molto vintage, tipo Badland, Dark Dark Ritual, Necropotence, o montagna, Black Lotus, Channel e Fireball. Il tutto per un’ottima chiusura di primo turno all’insegna del divertimento del vincitore e delle imprecazioni dello sconfitto! E dopo una intensa giornata di test, cosa c’è di meglio che andarsene a cena fuori con gli amici e farsi una bella mangiata? Meglio ancora se a base di Homarid .... ehm di Aragosta e Astice, il tutto farcito da crudi di pesce ed un bel sorbetto al limone.... Il giocatore di Magic deve soffrire al tavolo da gioco, ma quando si siede per recuperare le energie fisiche e mentali allora deve assolutamente avere il meglio!!!

Feature Match Round 2 – Marcello Calvetto vs Arjan van Leeuwer

by Andrea Vitali

“Good Luck”. E’ la canonica frase di cortesia che ci si scambia all’inizio della gara. Fortuna che sorride a Arjan van Leuwer, l’avversario olandese del nostro Marcello Calvetto, quarto classificato ai nazionali italiani di Magic 2009, che vince il tiro di dado e inizia la gara.

Marcello parte all’arrembaggio con una Goblin Guide, e Arjian rivela una foresta dopo aver giocato una Savage Lands. Un Plated Geopede viene ucciso da un Malestrom Pulse. L’emoraggia di vite viene fermata dall’olandese grazie ad un Bloodbraid Elves, che rivela un Lightning Bolt, togliendo di mezzo un neo arrivato Elite Vanguard. Un altro fulmine pulisce la strada al nuovo attacco della guida goblin, che dopo aver portato a 8 l’avversario muore contro un Putrid Leech. Con 4 mana open Marcello passa, e questo per un giocatore di Boros non è un buon segno. Specialmente quando hai un Baneslayer Angel in mano e non peschi per tre turni una terra per calarlo. Quando poi dall’altra parte del board arrivano Garruk e un simpatico Broodmate Dragon, farciti da un doppio Blightning, la partita termina rapidamente.

Calvetto 0 - van Leeuwer 1

Meno esplosiva, almeno in apparenza, la partenza di Marcello nella seconda partita con un Goblin Bushwacker, pompato al secondo da un Teetering Peeks. L’assalto infatti si ferma subito davanti ad un Putrid Leech. Anzi Arjan passa al contrattacco con il vermone ed uno Sprouting Tirannax. E’ ancora una volta però il mana il nemico di Marcello, quando non cala la quarta terra, e soprattutto per la mancanza di mana bianco, fondamentale per il suo piano di gioco. Dopo qualche turno di chump block infatti Calvetto si arrende davanti all’impossibilità di recuperare una partita. Anche Arjan sportivamente si rende conto della sfortuna del nostro connazionale e si congeda con un “I am sorry”. Anche noi siamo dispiaciuti...

Calvetto 0 - van Leeuwer 2

Marcello Calvetto

Arjan van Leeuwen

Thursday, 1.10 p.m. - A caccia di punti

by Bruno Panara

Il Pro Players Club è uno dei sistemi con cui Magic premia i suoi giocatori più assidui. Per farne parte basta guadagnare dei Pro Point (assegnati a seconda del piazzamento) nei Campionati Nazionali, i Gran Prix o i Pro Tour, ma più punti guadagni maggiori sono i vantaggi che ne puoi trarre. Innanzi tutto i primi tre livelli (1, 5 e 10 punti) garantiscono altrettanti bye a tutti i GP, e il terzo qualifica automaticamente anche ai nazionali! A 15 punti ottieni l’invito a un Pro Tour a tua scelta, e a 20 l’invito a tutti i Pro Tour, ma il bello deve ancora iniziare! Salendo piano piano di livello, con tappe a 25, 30, 40 e 50 punti, si possono ottenere viaggi e alberghi pagati, e gettoni di presenza per Pro Tour e Gran Prix. L’ultimo livello per esempio, l’ottavo, non solo qualifica automaticamente a tutti i Pro Tour, ma garantisce albergo e viaggio pagato e un gettone da $2250!! E inoltre qualificazione ai nazionali, 3 bye e un gettone da 500 a tutti i GP! Attenzione però! Il livello va raggiunto nel corso di una stagione, e i suoi benefici continuano pure durante l’anno successivo, ma dopo i mondiali vengono azzerati, e la scalata può ricominciare.

Il Mondiale quindi assume tutta un’altra importanza, essendo l’ultimo evento della stagione 2010. Tutti i giocatori puntano a un buon piazzamento per salire di livello, e un grappolo di pro internazionali competono per il titolo di Player of the Year, il giocatore con più Pro Point di tutti a fine stagione. Per gli italiani questi mondiali potrebbero portare dei giocatori al livello 4, quindi garantendo loro la qualificazione a tutti i Pro Tour del 2010.

Mario Pascoli, il giocatore italiano in attivitò con più Pro Point Dopo un’ottima stagione Marcello Calvetto, Samuele Estratti e Riccardo Neri hanno 17 punti. L’iscrizione ai mondiali gli conferisce due punti, quindi un piazzamento tra i primi 200 basterebbe per il salto, e chissà che un piazzamento migliore non li porti ancora più in alto. Samuele Estratti in particolare è avvantaggiato, facendo parte della squadra Italiana: se alla fine dei giochi l’Italia si sarà piazzata tra i primi 16, arriverà un punto anche da lì. Anche il campione nazionale Luca Ravagli potrebbe salire con un buon piazzamento suo e della squadra, ha infatti 15 punti in questa stagione (17 includendo i mondiali).

Ma oltre ai traguardi annuali ci sono degli obiettivi da raggiungere in carriera. Il bi-campione nazionale Mario Pascoli arriva ai Mondiali con 93 punti, con i due che guadagna oggi gliene basterebbero solo 5 per arrivare a 100, un traguardo raggiunto da un solo altro italiano, il suo concittadino romano Raffaele Lo Moro. Oltre ad essere una quantità di punti prestigiosa, è anche il minimo dei punti necessari per essere candidati alla Hall of Fame, il tempio dei migliori giocatori di Magic, in cui ci auguriamo di trovare un italiano al più presto!

Feature Match Round 3 - Luca Ravagli vs Tsuyoshi Ikeda

by Andrea Vitali

“Non voglio fare i Feature Match, ci perdo sempre”. Protesta simpaticamente il campione italiano, che dovrà preoccuparsi più del suo avversario, il pro player giapponese Ikeda, che della pressione dell’arena.
Anche Luca, come diversi italiani, ha scelto di giocare Boros e parte alla carica con Goblinn Guide e Plated Geopode. Quest’ultimo viene rimosso da un Maelstrom Pulse, ma una seconda guida e un Kor Skyfisher si presentano sul board, erodendo i punti vita del giapponese. La partita si arresta per un minuto buono quando Ravagli, con l’avversario a 10, si ferma a pensare su come sfruttare al meglio il suo turno. Poi decide di calare un Ranger of Eos, prendendo un Goblin Bushwacker ed una Steppe Lynx. Ikeda prova a stabilizzare il board con un Knight of the Reliquiary, enorme grazie alle numerose fetchland usate, ed un Baneslayer Angel, portandosi nel processo a 7. E poi è il momento dell’Alfa Strike. Luca cala le creature precedentemente prese con il ranger, una guida goblin, che attaccando assieme infliggondo esattamente i 12 danni letali, che vanificano il guadagno di cinque vite dell’angelo del giapponese.

Luca Ravagli 1 - Tsuyoshi Ikeda 0

Mulligan per Ikeda all’inizio del secondo game, mentre Ravagli tiene la sua mano. Buone le seconde sei per il giapponese che parte fortissimo con Noble Hierarch e Lotus cobra. Il serpentello viene subito fulminato, e sostituito da un Knight of the Reliquiary e un Master of the Hunt. Zero carte in mano per il giapponese, ma un board importante. Luca cerca di rimanere in partita con un Ranger of Eos, che recluta una Steppe Lynx e una Goblin Guide.
Ikeda però inizia la sua produzione di terre e lupi, e poi da vero campione quale è, pesca dalla cima del mazzo un Baneslayer Angel. Questa volta il gioco si ferma ancora per almeno 2-3 minuti per avere il testo corretto in italiano della carta Master of the Wild Hunt... e alla fine dopo averlo letto Luca esclama: “ Cavolo, è un bel problema!”. Dopo qualche pedina lupo e punto vita guadagnato, l’italiano si decide a concedere e si passa al terzo game.

Luca Ravagli 1 - Tsuyoshi Ikeda 1

Va Luca con un Geopede ed un Kor Skyfisher, ma per due turni salta dei land drop. Tsuyoshi inizia a sviluppare il board con doppio noble Hierarch e Lotus Cobra. Questo gli permette di lanciare un Maelstrom Pulse su un cavaliere volante, mandando nel cimitero lui e il suo fratello gemello appena giunto sul campo di battaglia. Di qui in poi è una autostrada in discesa per il giapponese visto che Luca continua ad accumulare carte costose, senza mai pescare le terre necessarie. Un Wall of Essence inizia a mettere a riparo il guerriero del sol levante e l’arrivo di un altro angelo conclude la partita in suo favore.

Luca Ravagli 1 - Tsuyoshi Ikeda 2

Ravagli Luca

Tsuyoshi Ikeda

Feature Match Round 4 - Samuele Estratti vs Robert Dougherty

by Andrea Vitali

Un vero osso duro per il nostro Samuele. Rob Dougherty è una delle leggenda vivente di Magic. Campione pluridecorato nel team Your move Games, con Darwin Kastle e Dave Humpries e con diverse prestazioni di prestigio anche nella carriera da singolo.

Rob vince il tiro e parte con una Soul Warden, aggiungendo subito dopo un Kor Skyfisher e Kazandu Blademaster. Samuele passa al contrattacco con due Steppe Lynx, infliggendo molti danni nei turni successivi grazie a diverse fetchland. L’americano però non sembra darsi per vinto mettendo in gioco alcuni blocchi first strike nella forma di White Knight e Knight of the White Orchid, proteggendoli con un Brave the Elements e infliggendo a sua volta diversi danni. Siamo in piena race e i cavalieri sono costretti a parare le linci. Fin quando non appare un Baneslayer dalla parte del nostro Estratti. L’angelo però viene tappato da un Kor Hookmaster, carta particolarmente tech che però si mostrerà decisiva. Con Samuele a 1 e tutte le creature in difesa in attesa dello stap dell’angelo, l’americano topdecca un Elspeth, Knight-Errant e dando flying e +3/+3 a una delle sue creature porta a casa la partita.

Samuele Estratti 0 - Robert Dougherty 1

Un mulligan per uno non fa male a nessuno. E con sei carte a testa si gioca meglio! Si ripete l’ordine di entrata delle creature del primo game. Lince e Soul Warden. Alla seconda lince di Samuele, Rob fa seguire un Honor of the Pure, ed un Knight of the White Orchid. Siamo di nuovo in race. E ancora una volta un Brave di Elements a salvare le creature di Rob dopo un blocco, e ancora un Kor Hookmaster a tentare di spostare la race in suo favore. Le creature dell’americano, tecnicamente subottimali, mostrano una inaspettata sinergia, e soprattutto sono pompate dalla nuova crociata. Questa volta è Samuele a dover chumpbloccare fino a dover scendere a 1. Nessun angelo si presenta a risollevare le sorti del nostro eroe, che deve soccombere sotto i potenti colpi di una doppia Soul Warden.

Samuele Estratti 0 - Robert Dougherty 2

Samuele Estratti

Rob Dougherty

Thursday, 3:05 p.m.: Standard Quick Interviews

by Event Coverage Staff

1. Quale mazzo di tipo 2 giochi?
2. Quale è secondo te il mazzo più forte del formato e perchè?
3. Quali sono le carte di Zendikar che definiscono il formato?

MARIO PASCOLI FILIPPO KRATTER
1. Boros
2. Boros. Perchè ha partenze esplosive e sfrutta bene le mani subottimali degli avversari
3. Le Fetchland
1. Elfi (con monumento)
2. Jund. Perchè ogni singola carta è veramente forte e se hai fortuna con le cascate è imbattibile.
3. Geopede, Lince e le Fetch
SAMUELE ESTRATTI ENRICO RUSSO
1. Boros
2. Boros. Perchè fa partenze esplosive e se l’avversario salta un land drop è finita.
3. Le Fetchland
1. Calvo Deck
2. Boros, perchè o hai una soluzione entro i primi tre turni o sei morto.
3. Spynx of Jwar Island e le fetchland
RICCARDO NERI WILLIAM CAVAGLIERI
1. Boros
2. Boros. Perchè non ho testato.
3. Le Fetchland
1. Mono White Creatures
2. Jund, come opzioni e power level
3. Le fetchland e le carte con landfall

Feature Match Round 5 - William Cavaglieri vs David Reitbauer

by Andrea Vitali

“Hai un dado ?” chiede Willy all’avversario. Ovviamente David l’avversario non lo ha, e mi tocca tirare fuori un euro per fare testa e croce... alla fine della giornata diventerò povero. Il giocatore austriaco vince il sorteggio, Willy mulliga a 6 ma parte per primo con una Soul Warden, aggiungengo poi un White Knight. David risponde non con uno, ma con due Sprouting Tyrannax. William può continuare ad infliggere danni grazie alla protezione dal nero del cavaliere, ma deve rimanere a guardare con il resto della truppa. Fin quando non arriva un Emeria Angel, che inizia a produrre numerosi token. Il gioco delle coppie continua per David, quando in due turni successivi scendono due Master of the Wild Hunt che minacciano di porre fine alla gara, stabilendo un controllo sul board difficilmente invertibile per William. E purtroppo è così. Con estrema lentezza l’austriaco inizia a prendere il predominio e il nostro, dopo aver superato le 50 vite, inizia a scendere. Posso guardare la prima carta?” chiede Willy all’avversario quando scende in gioco un Garruk. L’unica risposta possibile non arriva, e l’italiano concede.

William Cavaglieri 0 - David Reitbauer 1

Grande pressione di William all’inizio della seconda partita con una lince, pompato da alcune fetchland, ed un White knight, che viene fulminato. A dieci punti vita David azzera il board, grazie ad un Terminate, e mette in gioco uno Sprouting Tyrannax. William non si da per vinto e mette in gioco una nuova lince ed un Emeria Angel, che produce immediatamente 6 token. Nessun problema però per David che si libera della combinazione, graziead un Jund Charm ed un Lightning Bolt. Willy prova allora con un Conqueror’s Pledge, ma i token prodotti vengono immediatamente bruciati da un altro Jund charm. Quando tutto sembra finito per il nostro, dopo l’arrivo di un Broodmate Dragon, ecco materializzarsi un Martial Coup. La partita è un continuo susseguirsi di colpi di scena.I token devono immolarsi per non far perere la partita e poi un Bloodbraid dell’austriaco rivela un Putrid Leech. il vermone viene terminato da un Devout Lightcaster, mentre un Ranger of eos trova due linci, fondamentali per non morire. i due felini si dimostrano poi risolutivi quando il nostro, dopo aver pescato due fetchland, attacca per infliggere i danni letali.

William Cavaglieri 1 - David Reitbauer 1

Questa volta è David ad aprire le ostilità con un Putrid Leech,e ad assegnare 4 danni subendone due nel processo. Evidentemente abituato ai parti gemellari, l’austriaco lancia un secondo leech, perdendolo subito a causa di un Devout Lightcaster. Ma non è finita. Un Bloodbraind Elves rivela un fulmine, che uccide il chierico. Willy non si perde d’animo e ne mette un nuovo in gioco che leva l’ultimo verme rimasto. Un Bitumionous Blast di David toglie di mezzo il lightcaster, e rivela un Jund Charm. La pescata successiva è un Broodmate Dragon, che taglia le gambe al nostro. Purtroppo il Martial Coup in mano c’è, ma non ci sono le terre per lanciarlo. Continua la maledizione dei feature match per i nostri ancora a setto sotto i riflettori.

William Cavaglieri 1 - David Reitbauer 2

Team Round 1 - Italia - Svezia

by Bruno Panara and Andrea Vitali

Dopo una lunga giornata di standard, è finalmente il momento di qualcosa di diverso! Nei due round extra previsti nella giornata, i tre membri di ogni squadra si affronteranno nel consueto Standard, ma anche in Extended, che andra in scena nella giornata di sabato per tutti i giocatori, e Legacy, che avrà solo nel formato a squadre le luci della ribalta. Ed è Italia - Svezia il primo incontro per i nostri. I cordiali scandinavi salutano e dicono che vogliono riprendersi la rivincita per la partita di calcio di ieri, che ora veniano a sapere sia finita 1-0 per gli azzurri... MA NOI SEGUIAMO SOLO MAGIC!!!!!!

Extended - Samuele Estratti

Fidandosi della sua esperienza del Pro Tour Austin di sei settimane fa, Samuele oggi gioca ancora il Mazzo All-in Red con cui ha concluso la porzione Constructed di quel torneo 8-2. Il suo avversario gioca Bant.

Contento della sua mano di tre montagne, Rite of Flame, due Blood Moon e Demigod of Revenge, Samuele cala immediatamente Blood moon. Lo svedese sembra non curarsi dell’incantesimo, e del suo doppione che arriva il turno successivo, partendo con Forest - Noble Hierarch, e poi ancora Forest, Island, Tarmogoyf e Qasali Pridemage. Il nostro connazionale può solo rispondere con un Chalice of the Void a 1, e il suo Demigod viene fermato da un Mana Leak. Un barlume di speranza per gli Italiani quando Samuele pesca un altro avatar di Shadowmoor, ma Bant Charm ne elimina uno e ci condanna alla sconfitta.

Estratti non è per niente contento del suo matchup, lamentandosi di aver incontrato l’unico mazzo contro cui non può vincere. E’ abbastanza rincuorato quando vede nella sua mano due Figure of Destiny, che ha sideato invece delle Blood Moon. Arriva anche la terza figura, ma dalle giocate dell’avversario si capisce il perchè delle lamentele, Noble Hierarch permette Rhox War Monk di secondo e Baneslayer Angel di quarto. Samuele non riesce a pescare niente di utile in due turni e concede senza entrare mai in partita.

Svezia 1 - Italia 0

Standard Luca Ravagli

Nonostante il deludente 2-4 del primo giorno, Luca decide di continuare a giocare lo stesso mazzo Boros. Si trova ad affrontare un White Weenie, non proprio un buon matchup per noi.

Ancora più contento del mulligan a sei del suo avversario, Luca tiene una mano con 3 fetch, Plated Geopede, Steppe Lynx, Goblin Bushwacker e Ranger of Eos. Partenza a razzo per il campione nazionale, con Lince, Geopede, e Kor Skyfisher. Lo svedese prova a reggere con Soul Warden e Sigiled Paladin, ma non può bloccare perchè Ravagli pesca ancora Arid Mesa e le sue creature sono troppo grandi. L’ultimo tentativo di resistenza scandinava è un Elspeth, Knight Errant di quinto, ma dopo aver rimosso un bloccante con Fulmine, cala Goblin Bushwacker e fa abbastanza danni per portare a casa la prima.

Mano non altrettanto forte questa volta, ma comunque una partenza aggressiva per Luca che inizia con doppia Goblin Guide. La difesa svedese risponde di nuovo con Soul Warden e Sigiled Paladin, ma Ravagli continua a pescare Ranger of Eos a ripetizione e sforna creature ogni turno. Il suo avversario prova a difendersi con Oblivion Ring e Path to Exile, e infine con Baneslayer Angel, ma un Path to Exile dell’italiano rimuove l’angelo, e le creature sono abbastanza per portare l’avversario a 2 vite, costringendolo a concedere il turno successivo.

Svezia 1 - Italia 1

Legacy - Marco Monetto

Nella porzione Legacy Marco Monetto fronteggia Peter Wallin. Lo svedese aapre con un Thoughtsieze, togliendo un Daze, e nell’upkeep di Marco, gioca un Entomb su Iona, Shield of Emeria. Il nostro cala un Silvergill Adept e attende il suo triste fato, quando a fine turno gli viene mostrato un Mystical Tutor, che mette in cima alla libreria un Exhume. La magia di reanimazione va a buon segno, e l’angelone entra in gioco proebendo il colore blu dall’essere utilizzato. Tre turni dopo è tutto tristemente finito.

Anche il secondo match non parte bene per Marco che mulliga a 5. Questa volta però la partenza di non è così esagerata, e permette a Marco di mettere in gioco la prima minaccia nella forma di un Tarmogoyf. Un mystical Tutor viene negato sciaguratamente da un Force of Will, ma lo scandinavo fa seguire un Dark Ritual per Entomb su Iona, ed un Exhume, che ancora una volta sigilla la partita, nonostante un disperato tentativo di Jitte...

Svezia 2 - Italia 1

Thursday, 07:10 PM - I risultati dei giocatori italiani del primo giorno.

by Andrea Vitali

Se volete avere notizie più approfondite round per round su come sono andati i nostri ragazzi e su chi sono stati i loro avversari state leggendo nel posto giusto! Gustatevi questa carrelllata di statistiche sul primo giorno dei giocatori italiani. I complimenti per oggi vanno a Locatelli e Cavaglieri.

Davide Polo
Punti 9 - Classifica 246
Avversari
1 - Nakamura, Hajime - persa
2 - Chen, Bryan - persa
3 - Black, Samuel - vinta
4 - Cano, Jonathan - vinta
5 - Kratter, Filippo - vinta
6 - Görtzen, Simon - persa

Gennaro Mango
Punti 9 - Classifica 172
Avversari
1 - Boutin, Jon - vinta
2 - Tong Wu - persa
3 - Velasquez Fuentes, Ránfil - vinta
4 - Shomer, Asaf - persa
5 - Mitamura, Kazuya - persa
6 - Niemeyer, Johnny - vinta

Dario Pagano
Punti 12 - Classifica 121
1 - Antonenko, Alexey - persa
2 - Black, Samuel - vinta
3 - Tabet, Basam - persa
4 - Blohon, Lucas - vinta
5 - Petkunas, Paulis - vinta
6 - Gurov, Igor - vinta

Enrico Russo
Punti 9 - Classifica 208
1 - Fanghaenel, Alex - persa
2 - Lax, Ari - vinta
3 - Cividini, Ognjen - vinta
4 - Han, Hojae - persa
5 - Noorlander, Niels - vinta
6 - Baumeister, Corey - persa

Marcello Calvetto
Punti 9 - Classifica 263
1 - Malquichagua, Manuel - persa
2 - van Leeuwen, Arjan - persa
3 - Leigh, Simon - persa
4 - Zagalsky, Alejo - vinto
5 - de Diego, Pedro - vinto
6 - Kratter, Filippo - vinto

Simone Locatelli
Punti 15 - Classifica 33
1 - Oberg, Kenny . vinta
2 - Malquichagua, Manuel - persa
3 - Chapin, Patrick - vinta
4 - Vidugiris, Gaudenis - vinta
5 - Sakaguchi, Naoki - vinta
6 - Nagadowski, Przemyslaw - vinta

Patrizio Golia
Punti 12 - Classifica 99
1 - Kim, Cynic - persa
2 - Luksic, Ivan - persa
3 - Kamkins, Filips - vinta
4 - Martinez, Etienne - vinta
5 - Sanchez, Eugeni - vinta
6 - Zimmermann, Martin - vinta

Riccardo Neri
Punti 6 - Classifica 289
1 - Lybaert, Marijn - persa
2 - Valis, Filip - persa
3 - Lemus Hernández, Mariano - vinta
4 - Shimizu, Naoki - vinta
5 - Vidugiris, Gaudenis - persa
6 - Sarnowski, Daniel - persa

Mario Pascoli
Punti 9 - Classifica 230
1 - Kopec, Mateusz - vinta
2 - Rus, Tine - vinta
3 - Yamamoto, Akimasa - persa
4 - Gatica, Miguel - persa
5 - Jankovic, Nikola - persa
6 - Vargas Carreras, Juan Carl - vinta

Gionata Dal Farra
Punti 9 - Classifica 158
1 - Shomer, Asaf - vinta
2 - Velazquez, Michael - vinta
3 - Klauser, Benedikt - persa
4 - Vernikos, Constantine - persa
5 - Boutin, Jon - persa
6 - Wallin, Peter - vinta

Giuseppe Reale
Punti 3 - Classifica 394
1 - Sköld, Oskar - persa
2 - Randle, Jonathan - persa
3 - Petric Maretic, Grgur - persa
4 - Kochurov, Andrey - vinta
5 - Edel, Willy - persa
6 - Ruel, Antoine - persa

Samuele Estratti
Punti 9 - Classifica 194
1 - Huang, Hao-Shan - vinta
2 - Farkas, David - vinta
3 - Snepvangers, Bram - persa
4 - Dougherty, Robert - persa
5 - Martinez Silhy, Carlos Gui - vinta
6 - Luna, Javier - persa

Luca Ravagli
Punti 6 - Classifica 301
1 - Fortier, Remi - persa
2 - Gregoir, Christophe - persa
3 - Ikeda, Tsuyoshi - persa
4 - Shiraishi, Tomomi - vinta
5 - Gurinas, Edvinas - vinta
6 - Velasquez Fuentes, Ránfil - persa

Marco Monetto
Punti 9 - Classifica 214
1 - Kitayama, Masaya - persa
2 - Brown, Erik - persa
3 - Squire, Gregory - vinta
4 - Randle, Jonathan - vinta
5 - Abe, Allison - vinta
6 - Borrero, Camilo - persa

Filippo Kratter
Punti 6 - Classifica 317
1 - Skornik, Denis - persa
2 - Prinsloo, Theuns - persa
3 - Ruel, Antoine - vinta
4 - Nicoll, Aaron - vinta
5 - Polo, Davide - persa
6 - Calvetto, Marcello - persa

William Cavaglieri
Punti 15 - Classifica 15
1 - Carvalho, Marcio - vinta
2 - Weng, Ruei-Yi - vinta
3 - Görtzen, Simon - vinta
4 - Stone, Dennis - vinta
5 - Reitbauer, David - persa
6 - Gräfensteiner, Tobias - vinta

Team Round 2 - Italia vs Guatemala

by Bruno Panara and Andrea Vitali

Ultima fatica di giornata per i ragazzi della nazionale italiana. Per guadagnare qualche punto e sperare in un miglior piazzamento di squadra c’è da superare l’ostacolo Guatemala.

Standard - Luca Ravagli
Subito una doccia fredda per il Campione Nazionale, la sua lista conteneva solo 57 carte, ed è la causa per un game loss!
Arid Mesa per Plains e Steppe Lynx, seguita da Elite Vanguard e Goblin Guide in turni successivi è la partenza dello smemorato abruzzese, che però si trova ad affrontare un mirror match: due Linci e un Hellspark Elemental. Il suo avversario però è fermo a due terre ma regge con Lightning Bolt e Kor Skyfisher. Ravagli prova ad applicare pressione con Goblin Guide e un Goblin Bushwacker, ma si ferma pure lui con le terre. Continuano ad arrivare Hellspark Elemental che in pochi turni uccidono il campione italiano.
Extended - Samuele Estratti
Partenza ideale per Samuele: Montagna, doppio Chrome Mox imprintando Simian Spirit Guide e Seething Song e Blood Moon. Solo terre non base per il guatemalteco, che accumula montagne finchè non deve usare due Lightning Bolt e un Punishing Fire per eliminare tre token Goblin su otto provenienti da un buon Empty the Warrens del toscano. Il turno dopo arriva anche Demigod of Revenge e l’italiano vince la prima partita.
La partenza del suo avversario viene definita “la migliore che può fare” da Samuele: Fetch per Forest e Noble Hierarch. Ma il nostro eroe pesca il rito giusto e fa doppio Rite of Flame, Seething Song e Deus of Calamity di primo turno! Ma l’opponent non molla, Meddling Mage e poi Knight of the Reliquary bloccano il 6/6 e poi una volta giunto a 5 mana arriva Baneslayer Angel. Una Lightning Helix sposta la race, ed Estratti puppa potendo giocare solo un Chalice of the Void.
Partenza più lenta la terza partita, con montagna, montagna e poi Blood Moon, ma l’avversario è pronto e di primo usa una Fetch (senza un apparente motivo) per Forest e poi una Plains, che usa per calare un Tarmogoyf 2/3. Samuele gioca Calice a 1 ma si trova davanti un Qasali Pridemage che immediatamente viene sacrificato per distruggere Blood Moon. Seething Song viene usata per evocare un Demigod of Revenge, che inizia una race con un Knight of the Reliquary. Magus of the Moon guadagna un turno fondamentale e permette ad Estratti di vincere un turno prima di morire.
Italia 1 - Guatemala 1
Legacy - Marco Monetto
Per la porzione di Legacy Marco Monetto affronta Mariano Lemus. Ancora una volta Marco è costretto a prendere un doppio mulligan. Parte bene Mariano con una Aether Vial, subito imitato da Marco. Un Silvergill Adept entra in gioco, ma Marco purtroppo decide di lanciare un Lord of Atlantis (che a sua discopa è l’unica creatura in suo possesso). Tutte le creature guadagnano islandwalk... anche quelle dell’avversario e quindi il guatemalteco che ha iniziato ad attaccare per primo, non fatica a strappare la prima.
Finalmente Marco non mulliga e parte anche di Aether Vial. al secondo turno marco forza unno Standstill, che incontra un Daze, ma grazie a un Force of will resta in gioco. Il punto morto viene rotto subito da una fiala, garantendo all’italiano tre nuove carte, tra cui un secondo Standstill. Grazie alla fiala poi entra in gioco un Tarmogoyf, e poi un altro ancora. I punti vita del guatemalteco scendono rapidamente. E poi un errore catastrofico... fortunatamente di Mariano. Quando prova a forzare un Lord of Atlantis tenta di fare Stifle su punto morto, non sapendo che l’abilità dell’incantesimo triggera ancora una volta rendendo il tutto inutile e fornendo altre tre carte a Marco, assieme al punto del pareggio.
Nessun mulligan nella terza e decisiva partita. anche se parte per secondo Monetto mette in gioco le prime minacce nella forma di un doppio Curse Catcher. Un Daze neutralizza un Wake tresher. Poi arriva uno Standstill, che viene rotto da un secondo Wake Tresher, neutralizzato da un Daze. Grazie all’aiuto del tritone “force spike” di casa, Marco fa passare un Silvergill Adept che gli offre una carta. Il tresher rimasto si fa molto minaccioso quando viene aiutato nella missione “far danno” da un Lord of Atlantis, che lo rende imbloccabile. Quando Marco nell’upkeep gioca un Vendillion Clique, l’avversario mostra felice le sue tre carte: Thread of Disloyalty, Lord of Atlantis e Merfolk Sovreign. Il lord ci abbandona, ma la situazione è veramente nera... La Jitte riesce ad eliminare il Merfolk Sovereign, ma il guatemalteco si svuota la mano con un Cursecatcher e l’incantesimo che prende il controllo dell’ultimo tritone azzurro. Ma ormai Marco è in controllo della partita, Jitte equipaggia Mutavault ed elimina Wave Trasher. Il turno dopo Lemus non pesca niente di rilevante e il vantaggio di Jitte si rivela abbastanza per vincere.
Italia 2 - Guatemala 1

Latest Event Coverage Articles

August 12, 2019

Grand Prix Minneapolis 2019 Final Standings by, Wizards of the Coast

Rank Player Points Prize Money 1 Plocher, Justin [US] 38 $7,000 2 Corzo, Jonathan [US] 37 $3,500 3 Overturf, Ryan [US] 37 $1,750 4 Barbagela...

Learn More

August 6, 2019

Grand Prix Chiba 2019 Final Standings by, Wizards of the Coast

Rank Player Points Prize Money 1 Nakamichi, Daisuke [JP] 42 $7,000 2 Suzuki, Kazushige [JP] 39 $3,500 3 Zimmermann, Raoul [XE] 40 $1,750 4 I...

Learn More

Articles

Articles

Event Coverage Archive

Consult the archives for more articles!

See All

We use cookies on this site to personalize content and ads, provide social media features and analyze web traffic. By clicking YES, you are consenting for us to set cookies. (Learn more about cookies)

No, I want to find out more