Il momento migliore per lanciare le nostre magie

Posted in Level One on July 12, 2016

By Reid Duke

Over the span of the last nineteen years, since he was five years old, Reid has been a player, a deck builder, a collector, and a lover of the Magic world. Today, he’s a full-time professional Magic player and writer.

In Level One, Reid Duke spiega i principi fondamentali di Magic. Questo articolo è stato pubblicato lo scorso anno in inglese ed è ora è disponibile in italiano. Buona lettura !


Una delle domande più importanti da porsi durante una partita di Magic è “devo lanciare questa magia in questo turno o aspettare un momento migliore?”.

Valutiamo la domanda con attenzione e rispondiamo al meglio delle nostre capacità, ma a questo punto siamo solo a metà strada! Ogni volta che la risposta è “Voglio lanciare la magia in questo turno”, si passa inevitabilmente a un’altra domanda importante:

Qual è il miglior momento per lanciarla?

Scegliere il momento giusto può essere fondamentale. Nel caso di un istantaneo, potremmo lanciarlo alla fine del turno del nostro avversario oppure durante il combattimento o forse nella nostra fase principale, nel mantenimento o in una decina di altri momenti! Come facciamo a essere sicuri che il momento sia quello giusto?

La scelta del momento è un aspetto della sequenza e la gestione delle informazioni è un importante fattore da tenere in considerazione per entrambi. Tuttavia, quando dobbiamo scegliere il momento giusto, ci sono molti altri aspetti da considerare. Dobbiamo fare in modo da ridurre i rischi, utilizzare al meglio le occasioni e rendere più difficile possibile il gioco per il nostro avversario.

Il normale modo di agire

A parità di tutto il resto, l’ideale è attendere fino all’ultimo momento possibile prima di lanciare le nostre magie. In questo modo avremo più informazioni possibile e potremo anche nascondere informazioni al nostro avversario più a lungo possibile. Non solo il nostro avversario non conoscerà le nostre mosse fino all’ultimo momento, ma noi avremo anche il mana a disposizione per un tempo maggiore, che aumenterà il numero di opzioni che il nostro avversario dovrà tenere in considerazione e potrà quindi essere spinto a giocare in modo più cauto rispetto al suo solito.

Detto ciò, è molto pericoloso prendere l’abitudine di aspettare sempre l’ultimo momento per lanciare le nostre magie. Si tratta di una valida opzione di partenza, ma non è detto che sia sempre la migliore.

Esistono due tipi di situazioni in cui è più conveniente per noi lanciare le magie in un momento diverso.

Il primo caso è quando la magia ci può aiutare a raccogliere informazioni per un’altra decisione importante.

Il secondo è quando temiamo una reazione da parte del nostro avversario. In particolare, potremmo voler agire nel momento in cui tutte le terre del nostro avversario sono tappate. Ci sono molte magie che vorremo lanciare quando avremo una maggiore sicurezza, anche se ciò significherà lanciare un istantaneo quando normalmente lanciamo una stregoneria.

Diamo un’occhiata ad alcuni esempi di queste situazioni e alle categorie di magie per le quali la scelta del momento è molto importante.

Falange di Gideon | Illustrazione di James Ryman

I tipi di magia

Stratagemmi da combattimento

Abbiamo trattato gli stratagemmi da combattimento quando abbiamo parlato di attacchi e blocchi. Conoscere i dettagli della fase di combattimento è importante e ci fornirà un vantaggio nelle situazioni complicate in cui entrambi i giocatori potrebbero voler lanciare istantanei.

Come per la maggior parte delle magie, è opportuno lanciare gli stratagemmi da combattimento all’ultimo momento possibile (dopo che le creature bloccanti sono state dichiarate, ma prima che il danno venga inflitto). A volte sarà però necessario giocare in modo diverso.

Un caso è quando abbiamo il forte sospetto che il nostro avversario abbia una mossa da compiere. Magari ha a disposizione un’abilità attivata sul campo di battaglia, come quella della Consacratrice di Campioni, o magari abbiamo il sentore che lancerà uno stratagemma da combattimento.

Agire per ultimi è sempre un vantaggio, quindi, se siamo sicuri che il nostro avversario stia per compiere un’azione, è meglio aspettare. Questa situazione si presenta più spesso quando siamo noi ad attaccare. Vi ricordo che è il giocatore attaccante (il giocatore attivo) ad agire normalmente per primo. Tuttavia, se il giocatore bloccante (il giocatore non attivo) compie un’azione, l’attaccante avrà un’altra possibilità di agire. Vediamo un esempio:

Al quarto turno attacchiamo con un Ghoul Barcollante e un Lupo di Legnobranco e abbiamo in mano una Crescita Titanica. Il nostro avversario blocca ogni nostra creatura con una Chierica dell’Ordine del Fronte e ha due pianure stappate. Valutiamo la possibilità di lanciare la Crescita Titanica sul Lupo di Legnobranco, in modo che sopravviva al combattimento con la Chierica dell’Ordine del Fronte. In questo caso è però meglio per noi attendere. Perché mai il nostro avversario dovrebbe bloccare il nostro Ghoul Barcollante 2/3 con una Chierica 2/2 mentre ha ancora molti punti vita? C’è qualcosa sotto! Decidiamo quindi di non fare nulla (passiamo priorità) e il nostro avversario lancia un Balzo Possente sulla Chierica che sta bloccando il Ghoul Barcollante. Ora lanciamo la Crescita Titanica sul Ghoul Barcollante, superando il Balzo Possente e lasciando il nostro avversario senza carte sul campo di battaglia. La pazienza e la scelta del momento giusto ci hanno permesso di ottenere il massimo in questo scambio!

Vediamo ora un caso in cui una delle nostre azioni future dipende dal successo o dal fallimento di un nostro stratagemma da combattimento.

Il nostro avversario ha tre isole stappate e attacca con un Solca-acqua mentre noi controlliamo un Lupo di Legnobranco. Noi vorremmo bloccare e lanciare la Crescita Titanica, ma temiamo che ci possa andar male. Se abbiamo il sospetto che il nostro avversario abbia un Negare o un Annullamento Premeditato, ci conviene lanciare la Crescita Titanica prima di bloccare. Se invece decidiamo di bloccare subito e la nostra Crescita Titanica viene neutralizzata, perderemo anche la nostra creatura. Se lanciamo subito la Crescita Titanica e il nostro avversario la neutralizza, potremo decidere di non bloccare con il Lupo di Legnobranco, in quanto subire due danni è un prezzo accettabile per conservare la nostra creatura.

Crescita Titanica | Illustrazione di Ryan Pancoast

Rimozioni

La scelta del momento giusto è molto importante per le rimozioni istantanee. Se aspettiamo, possiamo raccogliere informazioni addizionali oppure possiamo addirittura riuscire a spingere il nostro avversario a investire il suo mana o una sua magia (come un’Aura) sulla creatura, prima che noi la uccidiamo. Tuttavia, aspettare può a volte portare a una catastrofe.

Uno scenario da incubo si può presentare con le rimozioni basate sul danno come l’Impulso Infuocato. Queste magie possono essere sconfitte dagli stratagemmi da combattimento, quindi aspettare il turno dell’avversario comporta un rischio.

Immaginiamo di passare e, dopo che il nostro avversario ha stappato, lanciamo l’Impulso Infuocato sul suo Grifone alla Carica. Lui risponde con una Crescita Titanica; non solo salva il suo Grifone alla Carica, ma ci infliggerà anche 7 danni attaccando!

I nostri piani possono fallire anche con le rimozioni “senza condizioni”, come il Prezzo Definitivo. A volte è semplicemente meglio lanciare le nostre rimozioni immediatamente, prima che il nostro avversario possa stappare le sue terre. In questo modo, una magia di permesso o una “magia di protezione” come l’Atto di Resistenza non riusciranno a distruggere i nostri piani.

Carte che fanno pescare

Questa categoria può comprendere qualsiasi carta che ci fa progredire nel nostro piano di gioco. La Prerogativa del Signore dei Draghi e Scavare nel Tempo sono ottimi esempi, ma anche Compagnia a Raccolta oppure il Talismano Abzan per mettere due segnalini +1/+1 su una nostra creatura oppure anche un Colpo di Fulmine sul nostro avversario.

Potremmo lanciare subito queste magie, nel nostro turno, se questa scelta ci aiuta nella nostra strategia. Per esempio, potremmo lanciare l’Ingegnosità di Jace per cercare di trovare una terra per il turno oppure Compagnia a Raccolta per cercare di trovare una creatura con rapidità e attaccare.

Potremmo anche voler lanciare queste magie per ottenere informazioni utili per decisioni successive. Se non otteniamo nulla da Compagnia a Raccolta, per esempio, potremmo volere tenere in difesa qualche creatura. Se usiamo Scavare nel Tempo per ottenere uno Scontro di Volontà, magari vorremo giocare un’Isola invece di un Palazzo Opulento.

Infine, come sempre, c’è il rischio che il nostro avversario abbia una risposta alla nostra magia. Se non vogliamo che il nostro istantaneo venga neutralizzato, potremo lanciarlo quando il nostro avversario non ha terre stappate! Più tardi tratteremo alcuni tipi di risposte comuni che potremmo dover considerare quando dobbiamo decidere il momento giusto per lanciare le nostre magie.

Creature

In questa categoria sono comprese tutte le magie che dovremo lanciare alla velocità di una stregoneria. Se lanciamo una creatura prima del combattimento e il nostro avversario la neutralizza, il loro mana sarà tappato e potremmo aver maggiore flessibilità durante il nostro attacco.

Mettere in campo il nostro Leone Vellocriniera potrebbe offrirci più opzioni nell’utilizzo del Comando di Dromoka durante il combattimento. In alternativa, potrebbe far pensare al nostro avversario che abbiamo in mano il Comando di Dromoka anche quando non ce l’abbiamo!

La teoria alla base della scelta del momento giusto per lanciare questi tipi di magia è la stessa. Dobbiamo semplicemente pensare alle conseguenze della magia e ai modi in cui il nostro avversario potrebbe rispondere.

Oracolo della Guerra | Illustrazione di Steve Prescott

I tipi di risposta

Magie di permesso

Quando lanciamo una magia, il timore più naturale è che non si risolva! La scelta del momento giusto è particolarmente importante contro gli avversari che hanno la capacità di neutralizzare le nostre magie.

Dobbiamo lanciare le nostre magie in un momento in cui il rischio che vengano neutralizzate è il più basso possibile. In altre parole, a meno che non sia necessario, non dobbiamo mettere a repentaglio gli altri aspetti del nostro piano di gioco in base alla risoluzione di una magia. Ripensiamo all’esempio della Crescita Titanica sul Lupo di Legnobranco prima di bloccare il Solca-acqua.

Un altro esempio è dato dalla scelta tra il Prezzo Definitivo e Languire per uccidere una Ladra di Jhess. Sarebbe meglio utilizzare il Prezzo Definitivo e conservare Languire per un momento successivo della partita, ma il nostro obiettivo principale è far fuori la Ladra. Magari conviene lanciare subito il Prezzo Definitivo e, se il nostro avversario lo neutralizza, potremo lanciare Languire.

Successivamente, dobbiamo pensare a come potremmo mettere il più possibile in difficoltà il nostro avversario. Immaginiamo che il nostro avversario sia a tre punti vita e che noi abbiamo in mano un Colpo di Fulmine. Non sappiamo se lui abbia in mano una magia di permesso, ma non vogliamo concedergli altre sottofasi di acquisizione per pescarla. Una valida opzione è lanciare il Colpo di Fulmine durante il suo mantenimento. Se non ha una contromagia, vinciamo lo stesso. Se ne ha una, almeno lo obblighiamo a spendere il mana nel suo turno (magari dandoci la possibilità di risolvere un altro sparo, se lo dovessimo pescare subito).

Magie di potenziamento

Abbiamo già parlato della pericolosa interazione tra le rimozioni basate sul danno e le magie di potenziamento. Vediamo ora le interazioni tra gli effetti "meno/meno", come il Morbo Avvizzente e le magie di potenziamento.

Immaginiamo di voler lanciare il Morbo Avvizzente sulla Centaura Sapiente delle Lame del nostro avversario, temendo però che abbia in mano le Sembianze dell'Idra. È meglio lanciare il Morbo Avvizzente nel nostro turno o nel turno del nostro avversario? La risposta giusta dipende letteralmente dalla sua devozione al verde. Se le Sembianze dell'Idra sono esattamente +2/+2, la Centaura sopravviverà al Morbo Avvizzente in ogni caso. Al contrario, se aspettiamo che il nostro avversario attacchi, subiremo danno solo da un 2/1 invece che da un 3/2. D’altra parte, se il nostro avversario ha una devozione pari a cinque, le Sembianze dell'Idra riusciranno a surclassare il nostro Morbo Avvizzente e, se aspetteremo il suo turno, subiremo un numero maggiore di danni.

Finora abbiamo valutato la scelta in base al risultato peggiore possibile, ma dobbiamo anche valutarla in base al risultato migliore possibile! Se aspettiamo prima di lanciare la nostra rimozione, il nostro avversario potrebbe avere fretta e lanciare la sua magia di potenziamento, permettendoci di sbarazzarci di due carte in un colpo solo.

La scelta del momento giusto il cui lanciare le nostre rimozioni in presenza di una possibile magia di potenziamento è legata all’analisi dei rischi, del valore aggiunto potenziale e dalla possibilità di mettere in difficoltà il nostro avversario.

Magie di protezione

Le magie di protezione, come Focalizzare l’Anima, sono simili alle magie di potenziamento, tranne per il fatto che non comportano il rischio di subire un numero maggiore di danni. In alternativa, possiamo considerarle magie di permesso che possono neutralizzare solo le rimozioni.

Si applicano sempre tutti i concetti descritti sopra. A volte possiamo mettere in difficoltà il nostro avversario obbligandolo a spendere il suo mana nel suo turno. Dobbiamo tuttavia fare attenzione a non permettergli di pescare altre carte o a mettere a repentaglio tutti i nostri piani nel caso in cui lui riesca a salvare la sua creatura.

Ossa in Cenere | Illustrazione di Clint Cearley

La scelta del momento giusto per le nostre magie e l’ignoto

Se noi fossimo sempre a conoscenza delle reazioni del nostro avversario alle nostre magie, sarebbe tutto relativamente facile. Le situazioni reali sono molto più complicate, perché non sappiamo se, quando e come il nostro avversario agirà.

Il meglio che possiamo fare noi è valutare tutte le possibilità. A volte dovremo correre dei rischi e ci andrà male. Non importa! Ciò che vogliamo sicuramente evitare è essere sorpresi da una magia di protezione, solo perché non avevamo preso in considerazione la possibilità che la nostra rimozione andasse a vuoto.

Dobbiamo valutare le possibilità, soppesare la probabilità di ogni avvenimento e scegliere il momento in cui lanciare le nostre magie al nostro meglio. Queste sono alcune domande che potremmo porci, allo scopo di compiere una scelta migliore:

  • C’è il rischio che la magia non si risolva?
  • La scelta del momento in cui lanciarla aumenta la probabilità che la magia abbia successo?
  • Possiamo ottenere informazioni importanti scegliendo un determinato momento per lanciare la magia?
  • Possiamo ottenere un valore aggiunto scegliendo un determinato momento per lanciare la magia?
  • Come possiamo mettere più in difficoltà il nostro avversario, nel caso in cui abbia una risposta?

Non è possibile elencare tutte le numerosissime domande sulla scelta del momento giusto che potrebbero presentarsi in una partita di Magic. Tuttavia, mi auguro che gli esempi che vi ho presentato in questo articolo vi abbiano dato un’idea di alcuni dei fattori che bisogna prendere in considerazione quando lanciamo le nostre magie.

Ricordate, la scelta di lanciare le magie è solo il primo passo. Dobbiamo scegliere con attenzione il momento giusto per lanciarle, in modo da renderle più efficaci possibile e per ridurre i rischi che qualcosa vada storto.

Latest Level One Articles

Level One

October 5, 2015

Level One: The Full Course by, Wizards of the Coast

Professor Reid Duke has dismissed class. Level One is on hiatus, as Duke has paved his way through his entire syllabus to show you how to get better at Magic. However, we know not everyo...

Learn More

LEVEL ONE

September 28, 2015

Becoming a Better Player by, Reid Duke

This will be the final article that I write for Level One. For the time being, the column will be going on hiatus. Over fourteen months, I've tried my best to build a complete, self-conta...

Learn More

Articles

Articles

Level One Archive

Consult the archives for more articles!

See All