Il significato della vita

Posted in Beyond the Basics on 9 Marzo 2017

By Gavin Verhey

When Gavin Verhey was eleven, he dreamt of a job making Magic cards—and now as a Magic designer, he's living his dream! Gavin has been writing about Magic since 2005.

Iniziamo una partita di Magic con 20 punti vita. L’ondata di magie e l’assalto delle creature del nostro avversario cercheranno di ridurre in polvere i nostri punti vita, facendoci avvicinare sempre di più a 0, scendendo lentamente dagli iniziali 20.

E se invece andasse diversamente?

Entri in scena in guadagno di punti vita.

C’è qualcosa di intrinsecamente attraente nel far salire i propri punti vita. Per prima cosa, gli umani adorano i numeri che aumentano... che sia il conto in banca, il livello del personaggio di un gioco di ruolo o i punti vita di Magic, è sempre soddisfacente vedere un numero che sale.

Ma, ancora più importante, poiché essere a 0 ci fa perdere, vorremo sicuramente rimanere più lontano possibile. Per il nostro avversario sarà più difficile sconfiggerci se ci troviamo a 42 invece che a 20.

Vero, no? Insomma, più o meno. Da giocatore, potreste aver sentito dire molte cose sul guadagno di punti vita. Forse vi avranno detto che è una cosa buona. Forse vi avranno detto che è una cosa pessima. A cosa deve credere un giocatore di Magic?

In realtà, non deve credere a nessuna delle due.

Come sempre, l’elemento chiave è utilizzare le informazioni per compiere le scelte migliori. Iniziamo a vedere come fare!

La nostra vita è nostra

Quando iniziano a giocare a Magic, molti giocatori sono immediatamente attirati dal guadagno di punti vita. Per questo motivo, il guadagno di punti vita è stato in un certo senso marchiato. Una quantità enorme di nuovi giocatori inserisce nei propri mazzi carte per guadagnare punti vita, mentre i giocatori più esperti consigliano loro di rimuoverle.

Hanno molte valide ragioni. Il motivo è semplice: guadagnare punti vita non aiuta a vincere la partita.

Guadagnare punti vita aiuta a non perdere... ma non perdere e vincere sono due concetti completamente diversi.

Immaginiamo di lanciare una Benedizione della Cappellana per guadagnare 5 punti vita.

Abbiamo speso una carta, ma non abbiamo generato alcun effetto sul campo di battaglia. Non abbiamo influenzato in alcun modo le azioni del nostro avversario. E, a meno che quei 5 punti vita non facciano la differenza tra subire un attacco letale il turno successivo oppure no... e non dobbiamo essere di nuovo nella stessa situazione il turno dopo... non ci sarà alcun impatto sulla partita.

Facciamo un esperimento. Immaginiamo di avere una creatura qualsiasi. Può anche essere un 1/1 a un mana.

Se quella creatura può bloccare la stessa quantità di danni che la nostra magia di guadagno di punti vita ci offre, l’utilità è già equivalente. Se è in grado di bloccare una quantità di danni superiore, è come se ci facesse guadagnare più punti vita della Benedizione della Cappellana!

E, aspetto fondamentale, la creatura ha anche molte altre funzioni! Può attaccare, mettersi di fronte alle creature attaccanti dell’avversario, utilizzare le sue abilità e così via. Una magia di guadagno di punti vita, invece, ha un solo effetto.

Ogni carta che giochiamo nel nostro mazzo ha il costo di impedirci di giocare altre carte. Se la Benedizione della Cappellana apparisse magicamente nella nostra mano, come un favore offerto da un Planeswalker, sarebbe un fatto. Noi la peschiamo invece dal mazzo, quindi non peschiamo un’altra carta che potrebbe essere ancora più efficace.

Anche se capiterà di trovarci in situazioni in cui quei 5 punti vita fanno la differenza tra sopravvivere un altro attacco oppure no, capiterà davvero così tante volte da giustificarne l’utilizzo? Sarà molto più probabile trovarci in situazioni in cui una carta a caso dei nostri colori, generata dal pulsante casuale delle carte di Gatherer, sarà una scelta migliore. Quelle poche volte in cui ci sarà utile non giustificheranno tutte le altre volte in cui non lo sarà.

Quindi, ascoltate ciò che vi è stato detto, il guadagno di punti vita non è un buon affare e non dovete utilizzarlo.

. . . Vero?

La vita è meravigliosa

Sbagliato.

A molti giocatori viene detto subito che il guadagno di punti vita è da evitare e questo invito li porta a non considerare mai nessuna carta, svalutando così quelle carte che fanno guadagnare punti vita che sono davvero valide. Esistono molte carte forti che fanno guadagnare punti vita.

Se l’unica creatura incontrata nella nostra carriera fosse il Cadetto Entusiasta, sarebbe scorretto dire "Le creature sono pessime e non dovrei giocarle". È semplicemente un 1/1 senza abilità al costo di un mana! Esistono molte altre splendide creature.

Lo stesso vale per il guadagno di punti vita.

Quando valutiamo le carte che portano a un guadagno di punti vita, ci sono alcuni elementi da prendere in considerazione. Vediamo insieme i quattro elementi più importanti:

1) non offrono solo guadagno di punti vita

Il guadagno di punti vita è spesso migliore quando è associato a un altro effetto utile nella strada verso la vittoria. Non deve essere solo guadagno di punti vita; deve avere più effetti.

Un esempio classico di carta che fa parte di questa categoria è una creatura che ci fa guadagnare punti vita.

Queste creature sono ottime per attaccare e bloccare così come sono e il guadagno di punti vita è un’aggiunta gradita. La maggior parte delle volte non giocheremmo un 3/2 che ha un costo di tre mana, ma i punti vita addizionali e il fatto che ritorni una seconda volta lo rendono un’ottima carta.

Lo stesso discorso vale con le magie.

Queste sono magie che permettono di guadagnare molti punti vita e di ottenere altri effetti. Sono entrambe potenti; entrambe offrono vantaggi di risorse. Questi sono casi in cui il guadagno di punti vita è abbinato ad altri validi effetti.

Sapete qual è un effetto molto importante? Pescare carte addizionali. Sapete qual è un aspetto fastidioso nello spendere mana e tempo per pescare carte addizionali? Morire prima di riuscire a farlo. Il guadagno di punti vita può colmare quel vuoto e aiutarci a trovare il tempo per lanciare le nostre magie migliori.

Esistono anche magie di guadagno di punti vita che ci fanno pescare carte quando le utilizziamo. Queste sono scelte molto valide, in quanto richiedono solo tempo per utilizzarle, ma non portano a uno svantaggio di aver utilizzato una carta. Se hanno un altro effetto o hanno un costo sufficiente basso, sono ottime scelte.

Esistono anche terre che fanno guadagnare punti vita. Non hanno effettivamente il costo di una carta, in quanto dobbiamo comunque giocare terre e ci potranno essere casi in cui il guadagno di punti vita, ottenuto quasi gratuitamente, può essere importante.

Questa è di gran lunga la categoria più grande e il miglior ambito in cui cercare carte che offrono un guadagno di punti vita.

2) sono utili per una determinata tipologia di incontri

Contro alcuni mazzi è necessario rimanere in vita abbastanza a lungo, poi la vittoria è assicurata. In queste specifiche tipologie di incontri, un guadagno di punti vita può essere decisamente potente.

Immaginiamo di giocare contro un mazzo spari, incentrato intorno a carte come il Getto di Lava che infliggono danno solo a noi come giocatore. Il loro piano è semplicemente di utilizzare tutte le loro carte per infliggerci danni il più rapidamente possibile.

Al secondo turno guadagniamo 8 punti vita.

Non solo abbiamo annullato due o tre delle carte del nostro avversario con una sola delle nostre, ma abbiamo anche ottenuto molto tempo per sviluppare il nostro piano di gioco. Ovviamente, avendo più tempo, abbiamo anche più possibilità di pescare altre carte che ci offrono guadagno di punti vita, che portano a ulteriori problemi per il nostro avversario.

Il guadagno di punti vita può essere un’ottima idea per le carte da sideboard contro i mazzi ricchi di spari. Possono anche essere efficaci contro i mazzi aggressivi con tante creature, sebbene io preferisca le rimozioni o le creature. Se il nostro avversario utilizza molte fonti di danno riutilizzabili, come le creature, il guadagno di punti vita diventa molto meno efficace.

3) ci fanno guadagnare un sacco di punti vita

Certo, possiamo pensare a un certo rapporto mana/vita che ci porterebbe a giocare una carta che offre guadagno di punti vita. Se esistesse una carta con un costo di un singolo mana bianco con un effetto "Guadagni 100 punti vita", sarebbe degna di essere considerata per il mazzo principale.

Questa carta è ovviamente inesistente, ma ogni tanto viene realizzata una carta che offre guadagno di punti vita che è abbastanza forte. Questi sono due esempi del lontano passato:

La Martire della Sabbia offre davvero un’enorme quantità di punti vita. Al costo di due mana, uno per giocarla e uno per sacrificarla, è frequente riuscire a guadagnare 12 punti vita con questa comune (poi, ovviamente, c’è il Proclama della Rinascita per riciclarla . . . penso che, da qualche parte nel mondo, ci sia un incontro tra due mazzi Standard con la Martire della Sabbia che si sta ancora svolgendo).

L’Impulso dei Campi non causa neanche il costo di una carta, a patto di essere giocato nel modo giusto; anch’esso può offrire un sacco di punti vita nel corso della partita. Se giochiamo un mazzo che non prevede di attaccare molto, può farci ritornare facilmente fino a poco meno di 20 punti vita.

4) il nostro mazzo si basa sul guadagno di punti vita

Esistono alcune carte che offrono ricompense per il fatto di aver molti punti vita. Queste carte sono di solito divertenti come base di un mazzo e sarebbe un peccato non citarle!

Se abbiamo queste carte, vorremo ovviamente aggiungere al nostro mazzo qualche modo per guadagnare punti vita. Spendere carte per guadagnare punti vita è molto più accettabile quando si hanno anche altri vantaggi.

Vale la pena notare che abbiamo bisogno di un risultato legato al guadagno di punti vita; guadagnare punti vita e dire che si ha un "mazzo guadagnavita" non sarà sufficiente. Se noi spendiamo le nostre risorse e il nostro tempo solo per guadagnare punti vita, sarà il nostro avversario ad avere inevitabilità. Sarà importante avere qualche carta che lo sfrutti, come il Sovrano dei Felidar o l’Armonia Angelica.

L’essenza della vita

Come molti aspetti di Magic, il guadagno di punti vita può essere giusto o sbagliato per la nostra strategia a seconda di ciò che desideriamo ottenere. Trovare il giusto equilibrio tra il guadagno di punti vita e la perdita di punti vita è fondamentale per costruire una strategia.

Perdita di punti vita? Questo sarà un ottimo argomento per un altro articolo.

Il nostro discorso sul guadagno di punti vita è giusto al termine. Se avete opinioni o commenti su questo articolo, scrivetemi! Potete contattarmi su Twitter, Tumblr o via mail (in inglese) scrivendo a BeyondBasicsMagic@gmail.com.

Mi auguro che la vostra vita di Magic e i vostri punti vita siano stati arricchiti. Applicate questi insegnamenti alla vostra strategia, mettete a punto i vostri mazzi e divertitevi!

Ci rivediamo la prossima settimana.

Gavin
@GavinVerhey
GavInsight

Latest Beyond the Basics Articles

BEYOND THE BASICS

20 Luglio 2017

Il tocco della morte by, Gavin Verhey

Abbiamo fatto molta strada dal Basilisco dei Boschi. Il Basilisco dei Boschi, che fa parte della Limited Edition (Alpha), aveva una versione preliminare di tocco letale e per noi è una...

Learn More

BEYOND THE BASICS

13 Luglio 2017

Draftare le carte da sideboard by, Gavin Verhey

Quando sentiamo la parola "sideboard", probabilmente pensiamo ai mazzi da 60 carte. Pensiamo alle nottate dedicate alla scelta attenta di quelle precise quindici carte che possiamo aggiun...

Learn More

Articoli

Articoli

Beyond the Basics Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All