From the Director's Chair: 2013

Posted in Daily Deck on 6 Gennaio 2014

By Aaron Forsythe

Salve, Planeswalker e altri abitanti del Multiverso! È di nuovo tempo di deliziarvi con tutti gli eventi più Magicamente Magnifici dell’anno scorso! Già: grazie a tutti voi, Magic ha archiviato un’altra fantastica annata di crescita! È stata ricca di avvenimenti straordinari: lanci di nuovi prodotti, rinnovamenti di siti web, completamenti di labirinti e mostruosizzazioni di mostri!

Oltre al mio riepilogo annuale, ho alcune anteprime di materiale inedito che di sicuro vi interesseranno, quindi partiamo subito!

Comincerò con la mia analisi del 2013...

    Modern Masters

Per quanto le nostre quattro uscite principali in buste dell’anno scorso siano state ottime (ne parleremo più avanti), il prodotto più caratteristico del 2013, a mio parere, è stato Modern Masters. Eravamo intimoriti da questa espansione, perché l’ultimo prodotto che abbiamo creato appositamente per aumentare la disponibilità di carte meno recenti è stato Chronicles, nel 1995: la gestione insoddisfacente di quel progetto ha generato una tale reazione negativa da parte dei consumatori che i miei predecessori in Wizards of the Coast sono stati costretti a creare una Lista Riservata di carte che ci imponiamo di non ristampare.


Questa volta, invece, abbiamo fatto le cose nel modo giusto. Il formato Limited ha riscosso un enorme successo e molti giocatori lo hanno definito il loro preferito in assoluto. L’edizione ha avuto una tiratura limitata (siamo stati volutamente cauti), ma in questo modo abbiamo evitato di inondare il mercato con carte difficili da ottenere in passato. Questa scarsità ha contribuito in larga parte a creare il più incredibile evento di Magic mai organizzato, il Gran Prix di Las Vegas, con 4491 giocatori partecipanti.

La conseguenza più importante dell’uscita di Modern Masters, tuttavia, è stata l’enorme aumento di partecipazione per il formato Modern. Rispetto al 2012, il 2013 ha visto più che triplicate le presenze negli eventi Modern, tanto da far diventare questo formato il secondo più giocato, dopo Standard, tra quelli di tipo Constructed. La notizia migliore è che, per la maggior parte, questa crescita è avvenuta al livello dei negozi di zona. Sia nel 2012, che nel 2013, abbiamo organizzato un Pro Tour, un round di PTQ e sette Grand Prix in questo formato: anche se abbiamo registrato un aumento su base annua, le presenze, lungi dal triplicarsi, non sono neanche raddoppiate. Non so se sia stato merito di Modern Masters in sé, o se la sua uscita abbia soltanto consolidato l’idea che avevamo intenzione di promuovere seriamente questo formato; forse, più semplicemente, un numero maggiore di persone ha potuto provarlo e ha scoperto quanto fosse divertente. In ogni caso, la crescita è stata incredibile e costituisce un ottimo segnale per eventuali prodotti simili a Modern Masters in futuro!

    Irruzione e Labirinto del Drago

Il blocco Ritorno a Ravnica è iniziato alla grande nel 2012 e le espansioni seguenti hanno continuato a regalare soddisfazioni per la prima metà del 2013. La struttura unica del blocco, il primo a lanciare un’espansione di grandi dimensioni a febbraio, ha incontrato il favore degli amanti del draft: il passaggio a tre buste di Irruzione ha permesso a tutte le dieci gilde di affermarsi completamente nelle partite Limited, una possibilità che mancava nel blocco Ravnica originale. Le nuove meccaniche, come estorsione, battaglione e fusione, hanno vivacizzato mazzi di tutti i livelli, da quelli più amatoriali a quelli impiegati nel Pro Tour, mentre carte esaltanti come Domri Rade e la Fine del Labirinto hanno dato vita a strategie innovative ed elettrizzanti.



Ho un unico rimpianto: le due espansioni di grandi dimensioni funzionavano in modo talmente diverso in draft che la scelta migliore, giocando l’intero blocco, era puntare tutto su una delle gilde di Irruzione, dato che queste offrivano vantaggi decisamente maggiori. È stato il prezzo da pagare per la nostra mancanza di esperienza con questo tipo di blocco e si tratta di un fattore di cui terremo conto più attentamente in futuro, qualora la situazione si dovesse ripresentare.

    Magic 2014

Il Set Base più recente di Magic era basato su un elemento che non ha riscosso il successo sperato: il ritorno del popolare tipo di creatura Tramutante. Abbiamo rinnovato queste creature rispetto alla loro ultima apparizione nel blocco Spirale Temporale, in particolare modificando il testo delle regole perché avesse effetto solo sui Tramutanti che si trovano dallo stesso lato del campo di battaglia; inoltre, li abbiamo reinventati dal punto di vista creativo, rendendoli più umanoidi. Tutti questi cambiamenti sono stati accolti con un certo sospetto e malcontento da parte dei nostri giocatori di lunga data. Dirò solo che, sebbene la modifica alle meccaniche sia perfettamente in linea con l’approccio alle carte tribali che abbiamo tenuto negli anni passati (e nel quale credo fermamente), vorrei che fossimo riusciti a trovare una soluzione creativa maggiormente condivisa per modernizzare gli ormai datati piccoletti contorti e dal volto appuntito. Chissà, forse era un’impresa impossibile.


Magic 2014 ha comunque introdotto novità indubbiamente esaltanti, tra cui tre nuove carte Planeswalker (inclusa la versione più potente di Chandra mai vista), un ciclo di carte, capitanate dallo Zombie Scacciavita, che puniscono l’uso di un certo colore tramite meccaniche ingegnose e, infine, alcune ristampe sorprendenti come la Grotta Mutevole e la Melma Mangiacarogne. Il set ha anche rafforzato il fascino delle carte di Magic, introducendo gruppi ricchi di colore, come il trio della Strega dell’Infuso Paludoso, e alcune creature perfette per i Johnny, come la Giovane Piromante.

    Theros

Come parlare di Theros senza raccontarvi le stesse esperienze che state vivendo in prima persona nelle partite di ogni giorno? Adoro questa espansione e, a quanto pare, anche voi la pensate come me! Theros ha qualcosa da offrire a chiunque: un ambiente Limited che permette di giocare mazzi con qualsiasi tipo di strategia e velocità; la meccanica devozione, che si è rivelata sorprendentemente cruciale per il formato; infine, alcune tra le carte più evocative e ricche di colore che abbiamo mai stampato.


La buona notizia è che ci sono altre novità all’orizzonte. È da Cicatrici di Mirrodin che non creiamo un blocco “tradizionale”, con un’espansione di grandi dimensioni seguita da due minori (in realtà, ormai usiamo questa struttura talmente di rado che non possiamo più definirla “tradizionale”), ma Figli degli dei e Viaggio verso Nyx continueranno a riservare sorprese ispirate all’antica Grecia per i mesi a venire!

    Commander

C’è voluto un po’, ma alla fine siamo riusciti a lanciare il seguito della prima espansione di mazzi Commander del 2011. Spero sarete d’accordo con me nell’affermare che questo nuovo prodotto è valso l’attesa. I cinque mazzi sono divertentissimi da giocare, sono pieni zeppi di ristampe elettrizzanti e includono idee innovative riguardo alla progettazione dei comandanti leggendari che non avremmo potuto includere in alcun altro prodotto.


Una conseguenza dell’uscita dei nuovi mazzi Commander che non avevamo programmato è stata la loro disponibilità non bilanciata, a causa della presenza in uno di essi di una carta molto ambita in Legacy: la Nemesi del Vero Nome. Non rimpiango che in questo tipo di prodotti vengano stampate carte abbastanza potenti da essere inserite nelle strategie Constructed dei formati Eternal, ma l’offerta dei mazzi non dovrebbe presentare una tale disparità di valore quando si verificano squilibri simili. Faremo del nostro meglio per garantire un maggior bilanciamento dei prodotti precostruiti in futuro!

    Eventi Premier

Nel 2013, gli eventi Premier di Magic hanno registrato un picco senza precedenti in partecipazione e divertimento grazie a una rosa di eventi Grand Prix di dimensioni mai viste, entusiasmanti collegamenti in diretta da ogni Pro Tour e dai GP di due continenti e una nuova incarnazione della “Settimana mondiale”. Abbiamo visto grandi personalità come Tom Martell, Josh Utter-Leyton, Craig Wescoe, Reid Duke, Shahar Shenhar, Raphaël Lévy, Sam Black, Makihito Mihara, Paul Rietzl, Jérémy Dezani e Owen Turtenwald incidere il proprio nome nella storia di Magic e ispirare le nostre scelte di mazzi per tutto l’anno. Il 2014 promette ancora meglio, con nuove date del Pro Tour e ancora più dirette degli eventi!

    Esperienze di marchio

Passando a una prospettiva leggermente più locale, ma ugualmente notevole, nel 2013 abbiamo potenziato le nostre “esperienze di marchio”, ovvero le attività più evocative associate ai Prerelease e ad altri eventi che contribuiscono a immergere il giocatore nella profonda storia e nei mondi di Magic durante il gioco.

Abbiamo cominciato con il ritorno delle confezioni di gilda al Prerelease di Irruzione, per poi concludere con lo spettacolare Mazzo sfida Affronta l’Idra al Game Day di Theros. Nel frattempo, abbiamo attraversato il Labirinto del Drago (un’attività, quest’ultima, forse un po’ troppo complessa). Il Prerelease di Magic 2014 mancava di questa componente, ma rimedieremo con i Set Base futuri (e tutte le altre espansioni).

    Ventesimo anniversario

Il mio vero rimpianto, tra tutti gli avvenimenti nel mondo di Magic nel 2013, è non aver celebrato il nostro ventesimo anniversario con la pompa magna che la ricorrenza meritava. Abbiamo organizzato uno splendido evento alla Gen Con e ricorderete tutti l’uscita di From the Vault: Twenty, ma oltre a questo non c’è stato molto altro.

In passato, abbiamo commesso l’errore di inserire la dicitura “decimo anniversario” e “quindicesimo anniversario” su tutti i prodotti in uscita in quegli anni e siamo convinti che questo ci sia costato potenziali nuovi giocatori, spaventati dall’idea di non poter recuperare il tempo perso; all’epoca stavamo già perdendo clienti e non avevamo certo bisogno di nuovi modi per peggiorare la situazione! Ora, invece, siamo nel bel mezzo di una fase di crescita duratura e impressionante, e siamo diventati molto più abili nel proporci alle varie fasce di mercato. Sono certo che avremmo potuto fare di più in questa occasione e che i risultati sarebbero stati positivi per il marchio e per la community, ma è ora di guardare avanti al 25° anniversario e oltre.

    Magic Online

Anche se nel momento in cui scrivo, alla fine di novembre del 2013, si tratta di una situazione che in molti vedono ma di cui nessuno vuole parlare, penso sia il caso di ricordare a tutti che, in generale, Magic Online funziona e funziona bene, permettendo a migliaia di persone di giocare ai formati più disparati usando praticamente tutte le carte stampate finora in qualsiasi momento, giorno e notte, ogni giorno dell’anno. Magic è costituito da un flusso infinito e rapidissimo di uscite di espansioni cartacee e Magic Online è in grado di tenersi al passo, il che rende onore ai team che se ne occupano.


Ci sono stati, però, alcuni problemi: quest’anno, l’anno scorso... succede ogni anno. Si tratta di difficoltà che, purtroppo, sono connaturate al gioco, ma vi assicuro che nessuno ha più interesse di noi a far sì che Magic Online raggiunga il suo pieno potenziale. Gli sviluppi che vedo dietro le quinte sono incoraggianti. Worth Wollpert e il team di Magic Online si stanno impegnando per introdurre migliorie e al tempo stesso tenervi informati su ciò che accadrà in futuro, quindi non perdete i loro aggiornamenti.

    Un anno incredibile

Questo è il succo di quanto è accaduto nel 2013, un anno davvero memorabile. Rimangono alcuni eventi di cui non vi ho parlato, tra cui la nostra festa per Theros al PAX, l’esclusiva al Comic-Con, la versione rinnovata di questo stesso sito web, Duels of the Planeswalkers 2014... Beh, c’è anche un’altra iniziativa del 2013 di cui vorrei discutere...

    You Make The Card

Per la prima volta dopo Svanire nella Memoria del 2006 (quella carta è, in effetti, svanita dalle nostre memorie), abbiamo chiesto a voi, i lettori di DailyMTG.com, di votare una serie di opzioni che hanno portato alla creazione di una carta, un incantesimo nero chiamato Nulla Va Sprecato.

Sono lieto di poter rivelare in anteprima il “prodotto finito”: la versione definitiva di Nulla Va Sprecato, impaginata e pronta per la stampa. Eccola:


    Che è successo al bordo della carta?

Come potete vedere dal simbolo dell’espansione, Nulla Va Sprecato apparirà nel Set Base di quest’anno, Magic 2015. Un altro dettaglio che potreste aver notato sono le modifiche che abbiamo apportato al bordo della carta.

Ho passato la maggior parte del 2013 a capo del progetto di M15, un’espansione ambiziosa che introduce alcune novità nel gioco, non ultima una rivisitazione dell’attuale bordo delle carte. Qui in ufficio abbiamo molti collaboratori ingegnosi costantemente al lavoro per trovare nuovi modi per migliorare Magic. Gran parte delle idee da loro concepite comprendevano piccoli ritocchi al lato frontale delle carte, ma preferiamo non modificare radicalmente il bordo troppo spesso; per questo, abbiamo lasciato che si accumulasse un buon numero di questi spunti per cogliere l’opportunità di implementarli tutti insieme in una volta sola. Quell’opportunità è arrivata con M15.

Sono presenti cinque grandi cambiamenti che potete notare qui sopra in Nulla Va Sprecato. Quattro sono modifiche che interessano l’intero gioco e che saranno adottate in ogni espansione futura a partire da M15; la quinta è una caratteristica speciale di questo set. Passiamo ad analizzarle.

1) Il carattere

Fin dalle origini, Magic ha usato font standard per le carte. Come marchio, tuttavia, crediamo che sia meglio impiegare un carattere tipografico proprietario caratteristico, qualcosa di unico e particolare, ma comunque leggibile.

In generale, apprezzavamo il peso e le forme del carattere “Matrix Bold” che usavamo in precedenza; per questo, tra il vecchio font e quello nuovo, battezzato “Beleren”, troverete molte somiglianze che dovrebbero anche attenuare discrepanze fastidiose quando compariranno insieme nello stesso mazzo.

2) Il marchio olofoil

Come vedete, nella parte inferiore, al centro di Nulla Va Sprecato, è presente un piccolo ovale argentato. Si tratta di un nuovo ed esclusivo marchio olofoil che applicheremo d’ora in avanti a tutte le rare e rare mitiche. Questo dettaglio renderà tali carte ancora più speciali e ne garantirà l’autenticità.

Le comuni, le non comuni e le terre base non includeranno il marchio olofoil.

3) Le informazioni di collezione

Nell’angolo in basso a sinistra della carta trovate una serie di lettere e numeri che ne indicano il numero di collezione (122/269), la rarità (R), l’espansione (M15) e la lingua (EN). Il puntino tra l’espansione e la lingua sarà una stella sulle carte Premium, quindi avrete tutte le informazioni sulla versione di una carta raggruppate nello stesso punto e in formato di facile comprensione.

Modificare in nero il fondo di tutte le carte per includere queste informazioni non è stata una decisione semplice ed è probabilmente il cambiamento più sconcertante nell’aggiornamento del bordo, ma l’abbiamo fatto con le migliori intenzioni. Queste informazioni sono leggibili dai software di riconoscimento delle macchine presenti nei nostri impianti di produzione. Ciò consentirà di eliminare i rari errori di confezionamento, come le carte inserite in buste dell’espansione sbagliata.

4) Dimensione ridotta del bordo

Per poter inserire tutte queste fantastiche novità sulle carte, abbiamo ridotto lo spessore del bordo nero quasi di un millimetro su ogni lato. Lo spazio riconquistato in questo modo ci ha permesso di ingrandire leggermente anche l’illustrazione e i riquadri di testo.

5) I riconoscimenti dei creatori

Noterete che vi abbiamo riconosciuto pienamente il merito per la creazione di questa carta nella sezione in cui di solito compare il testo narrativo: “Ideata dalla community di Magic”. Questa è la prima volta che riportiamo il nome del creatore di una carta specifica sulla carta stessa e siete voi! Spero che ne siate molto orgogliosi! Questo non succederà per tutte le carte distribuite in futuro (un peccato, davvero), ma ne troverete alcuni altri esempi in Magic 2015. (Dovrete aspettare per scoprire i dettagli! Sarà fantastico, ve lo assicuro!)

Queste sono le componenti principali dell’aggiornamento del bordo. Ecco un’altra carta di M15 con cui fare un confronto. Non si tratta di una rara, quindi non è riportato il marchio olofoil; è una creatura, quindi è presente il riquadro forza/costituzione; infine, non è nera, così potete vedere chiaramente l’aspetto del bordo. Complessivamente, si tratta di uno straordinario rinnovamento del bordo delle carte su cui non vedo l’ora di mettere le mani con M15 quest’estate.


Siete già in trepidante attesa dell’anno che ci aspetta? Io non sto più nella pelle e ci sono ancora tantissimi segreti da rivelare sulle novità che abbiamo in serbo! Lavoro con una squadra incredibilmente capace e ricca di talento e le idee che hanno avuto per il prossimo anno sono tutte elettrizzanti!

Grazie a tutti per un fantastico 2013 e auguri per un 2014 divertentissimo e Magico!

—aaron
@mtgaaron

Latest Daily Deck Articles

24 Gennaio 2014

Born of the Gods Prerelease Primer

Elspeth Tirel, cavaliera errante, non è giunta su Theros per diventare la campionessa del sole. È venuta per sfuggire agli orrori del suo passato e piangere l’apparente perdita del suo am...

Learn More

9 Gennaio 2014

Meccaniche di Figli degli dei by, magicthegathering.com Staff

Indice IspirazioneTributoNyx e conferireDevozioneDeiEroismoProfetizzare“Archetipi” Il piano di Theros è sprofondato nel caos dopo l’ascesa allo status divino del satiro Planeswalker Xena...

Learn More

Articoli

Articoli

Daily Deck Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All