Sette Passi verso una Migliore Base del Mana

Posted in Magic Academy on 1 Marzo 2007

By Jeff Cunningham

Ciao a tutti e bentornati alla Magic Academy! Questa settimana metteremo in pratica alcuni passi per costruire la base del mana, partendo dai principi che abbiamo scoperto negli articoli Introduzione alla Base del Mana, Parte 1 and Parte 2.

Overgrowth

Una nota importante prima di cercare di proporvi un qualsiasi sistema per costruire la base del mana è che le basi del mana si adattano male agli approcci sistematici. La base del mana di un mazzo è estremamente specifica. Dipende da un gran numero di fattori – singole carte del mazzo, interazioni particolari tra le carte, carte disponibili nel formato e gli altri mazzi giocati nel formato sono solo alcuni esempi. Per questo motivo, qualsiasi guida alla costruzione della base del mana non può che essere generale. Le regole di base possono dare sicuramente un aiuto, ma se vuoi ottenere i migliori risultati sappi che non esiste una formula segreta.

Ogni base del mana ci porta a una nuova e specifica sfida… ma queste sfide possono essere affrontate matematicamente e si possono vincere. In questo modo, è sicuramente semplice. Molti Pro adorano provare le loro teorie o mettere insieme le nuove idee di costruzione dei mazzi, ma tremano all’idea di doversi concentrare sulla base del mana. Altri invece lo trovano confortante; mentre le teorie possono andare in frantumi e le scelte sul metagame possono decidere successo o sconfitta a un torneo, preparare una buona base del mana migliora sempre il tuo mazzo.

Scrying Sheets

Da dove iniziamo? Mentre un mazzo è un insieme di 60 carte, con mana e carte non mana che lavorano insieme all’unisono, le idee dei mazzi tendono a partire dalle carte non mana. Quando un giocatore ha un’intuizione su un nuovo mazzo, la concentrazione è sulla possibilità di una potente combo o di un rapido beatdown, ecc, mentre raramente si parte dalla base del mana. La base del mana ha lo scopo di far funzionare il resto del mazzo.

Detto questo, sono necessari dei compromessi. Riuscire a mettere Patto Sepolcrale, Clorofante , e Elementale dell’Alba nello stesso mazzo sarà nella maggior parte dei formati chiaramente così difficile che non vale la pena fare alcun tentativo. Quando costruisce una base del mana, un giocatore mette insieme un gruppo di carte non terra, che possano avere un supporto ragionevole in un dato formato e dà per scontato che il mana funzionerà (anche se chiaramente si possono fare dei tentativi per vedere quanto estremo può essere un mazzo come richiesta di mana).

Spesso, andando oltre al livello di supporto di mana ragionevole, il mana può essere preso in considerazione in anticipo; alcuni metodi di accelerazione possono essere interessanti (per esempio questo mazzo funziona se posso giocare le terre sacrificabili di Invasione), alcune abilità delle terre non base possono essere utili (i mazzi che si basano sulle Distese delle Profezie) e alcune considerazioni sul mana possono essere ovvie (se come carte verdi giochi solo quattro Guerrieri Elfici), sembra ovvio che sarebbe meglio giocare quattro carte di un altro colore, anche se sono meno forti, per migliorare il supporto di mana). Semplicemente, le carte non mana sono il punto di partenza, poi entrambi gli aspetti di un mazzo (carte non mana e base del mana) raggiungono un compromesso per poter lavorare al meglio insieme.

1. Assicurati che il tuo mazzo sia competitivo nel formato.

Nei formati più profondi, le multiterre disponibili possono permettere anche requisiti di colore estremi. Nei formati meno profondi (quelli con meno carte disponibili, come il Blocco costruito oppure lo Standard senza le terre doppie di Ravnica ), ci sono meno opzioni e devi essere più parsimonioso. In Esteso (per esempio) può essere fattibile mettere i Guerrieri Elfici e il Demonietto Fetido nello stesso mazzo. In Standard o in un formato più ridotto può al contrario diventare un serio problema.

Dai un’occhiata alle tue carte non mana e verifica che possano funzionare bene con qualsiasi base del mana che potrai mettere insieme.

2. Determina, a grandi linee, quanto spazio avrai per le fonti di mana.

Far_Wanderings

A questo punto hai già una lista provvisoria delle carte non mana che vorresti mettere nel tuo mazzo…

Quanto spazio dovremo dedicare alle terre? Dobbiamo togliere qualche carta dalla lista che abbiamo preparato o dobbiamo aggiungerne qualcuna?

Vediamo alcune considerazioni:

 

  • Questo mazzo userà degli acceleratori? Avrà delle magie che vuole proprio giocare nei primi turni? Oppure ci sono vuoti nella curva del mana che possono essere risolti da acceleratori? Oppure ha spazi liberi e possono essere utili degli acceleratori? Ricorda, gli acceleratori e le terre non sono intercambiabili, quindi avranno bisogno di spazio dedicato alle magie non mana.

Spesso i giocatori inseriscono nella lista del mazzo gli acceleratori che vogliono giocare, anche prima di prendere in considerazione il resto del mana, cosa che affinano più tardi.

 

  • Gioco magie costose? In questo caso, dovrò aver bisogno di abbastanza mana per poterle giocare ogni volta che ne ho bisogno.
  • Gioco molte magie a costo ridotto per pescare o manipolare il mazzo? Se riuscirò regolarmente ad avere accesso a più carte nei primi turni grazie a carte come Tempesta Cerebrale Cappa delle Profezie del Sensei, potrò essere più tranquillo sulle terre.
  • Quanto mi aspetto che duri la partita? Il rapporto tra la durata della partita e il mana è complesso. Da un punto di vista, i mazzi aggro che prevedono che la partita venga decisa nei primi turni possono far pensare che sia giustificato giocare più terre, dato che la possibilità di pescarne troppe a partita avanzata non dovrebbe esistere, mentre i mazzi di controllo che prevedono che la partita duri più a lungo possono permettersi di giocare meno terre perché avranno più turni per pescarle. Da un altro punto di vista, anche se questo ragionamento esiste fino a un certo punto (i mazzi aggro e controllo non hanno un numero di terre molto diverso come ci si potrebbe aspettare dal costo delle magie), un mazzo aggro ha comunque bisogno di una mano iniziale potente per riuscire a vincere in pochi turni e un mazzo di controllo non può permettersi di non giocare una terra a turno per poter sopravvivere fino a partita avanzata!
Mana_Severance

Si, le novità spuntano fuori ogni tanto – mazzi che giocano meno di 16 terre o più di 30 – ma la maggior parte dei mazzi gioca tra 22 e 26 fonti di mana (22 è il minimo, per i mazzi puramente aggro senza acceleratori, e 26 è il massimo per i mazzi di controllo che usano acceleratori).

Prendi anche in considerazione le eventuali caratteristiche specifiche del tuo mazzo (per esempio carte particolari), che ti spingerebbero a giocare più o meno terre.

Cerca di avere un’idea di massima su quante carte dovranno essere fonti di mana (e poi regolerai questo numero, se necessario).


3. Determina, a grandi linee, quanto mana colorato ti servirà.

Più o meno, quanto mana colorato ci servirà, per ognuno dei nostri colori, per supportare le nostre magie? Per ottenere queste quantità di colori, in che proporzione dobbiamo giocare le terre? Quante e quali multiterre dovremo giocare? Ci avanzerà spazio per terre incolori con abilità speciali?

Vediamo alcune considerazioni:

 

  • Quante carte gioco per ogni colore? Questi numeri ci daranno un’idea di massima delle proporzioni del mana, ma ricordiamoci di riequilibrare queste proporzioni. Anche se hai solo 4 carte rosse e 32 verdi, devi giocare più fonti di mana rosse rispetto alla proporzione 4/36.
  • Quante carte hanno requisiti di mana elevati e quali sono? Devi supportare una magia con doppio costo di colore? Supportare una magia che ha due mana colorati nel suo costo, soprattutto se il costo totale è ridotto, è più facile se è una magia del colore più presente nel mazzo (il colore principale), ma può essere molto difficile se è di un colore di splash. Il colore di splash non potrà contare in questo caso sui fixer (per esempio Crescita Rigogliosa per prendere una terra di quel colore) e dovrà giocare molte più fonti di mana per avere regolarmente a disposizione più fonti di mana di quel colore.

Oltre alle proporzioni, alcuni mazzi avranno requisiti di colore (cioè il totale dei simboli di mana) più elevati rispetto ad altri. Se il mio mazzo verde-rosso usa magie con un solo simbolo di mana, posso avere una base del mana stabile anche se inserisco terre incolore con abilità speciali. Se invece il mio mazzo verde-rosso ha molte magie con più simboli di mana colorato, ho bisogno di più multiterre per supportarlo.

Frozen Shade

Inoltre, non dimenticarti di considerare anche le magie che diventano più forti se giochi più fonti di mana del loro colore, come la Bruma.

 

  • Quanto costano le carte dei diversi colori? Più costosa è una magia, più carte pescherai prima di giocarla e più possibilità avrai di pescare le terre giuste; ti serviranno quindi meno terre di quel colore.

Il principio di base per soddisfare i requisiti di colore è questo: Devi essere in grado di giocare tutte le tue magie. Il significato è che, anche se giochi solo due magie bianche nel mazzo, quando le peschi dovrai avere la possibilità di giocarle. Se la quantità di fonti di mana bianco è proporzionale alle magie, la probabilità di pescare sia le fonti di mana che le magie sarà molto ridotta. Per evitare questo, devi giocare abbastanza fonti di mana bianco per poter giocare le magie bianche in ogni partita, anche se poi non le pescherai. Una carta bianca in mano, non supportata da una fonte di mana bianco, è (generalmente) inutile. Una Pianura in gioco, senza una carta bianca in mano è comunque una fonte di mana utile.

Considerando che avremo 7 o 8 carte al nostro primo turno e che giochiamo un mazzo da 60 carte, se vogliamo avere mediamente una Pianura, ogni partita, dobbiamo giocarne almeno 8 – di meno se contiamo che il costo di mana di una carta di splash è di solito alto, oppure di più se vogliamo essere sicuri.

8 fonti di mana è il minimo che ti serve se vuoi avere il più piccolo degli splash. Anche se giochi 1 sola vera Pianura, puoi giocare anche 4 Crescite Rigogliose , e qualche Sigillo o altri metodi simili per ottenere il mana bianco.

Al contrario, partendo dalle stesse informazioni, anche con un colore principale con tante carte e tanti simboli di mana colorato, 16-24 fonti di mana potrebbero essere eccessive.

Ripeto, ricordati di prendere in considerazione le particolarità del tuo mazzo.

Cerca di avere un’idea di massima di quante fonti di mana vuoi avere per ogni colore (e ricorda che alcune fonti di mana possono darti mana di qualsiasi colore, pagandone il giusto prezzo!).

4. Crea la base del mana.

Karplusan Forest

Ora che hai un’idea della quantità di terre che giocherai e della quantità di colori che ti servirà, fai il primo tentativo per mettere insieme la base del mana.

Un obiettivo che ti puoi porre è questo: Hai 26 spazi per le fonti di mana e vuoi dedicarne 3 agli acceleratori. Vuoi ottenere 20 fonti di mana bianco, 20 di mana blu e 13 di mana rosso. Cosa può venire fuori?

Assicurati di considerare tutte le terre disponibili nel formato, oltre agli acceleratori e ai fixer. Se una terra è ottima (per esempio , la Foresta di Karplus in un mazzo R/G), puoi metterla senza esitare. Se hai tante terre “che ci stanno proprio bene”, puoi scegliere le migliori per il tuo mazzo.

i. Quali multiterre puoi usare? (Distese dell’Adarkar, Fontana Santificata o Cancelleria Azorius)

Le caratteristiche del mazzo sono molto importanti ora. Tutte queste terre producono mana bianco e blu, ma qual è il prezzo da pagare che meglio si adatta al tuo mazzo? Spesso, la forza delle carte è talmente simile che un compromesso è la migliore soluzione - una Distesa dell’Adarkar ed una Fontana Santificata nella mano iniziale ti può dare più possibilità rispetto a due copie della stessa terra.

 

  • Considera la curva del mana. Se non hai magie a costo uno, potrai giocare spesso la Fontana Santificata senza prendere alcun danno. Se invece sai che le Distese dell’Adarkar ti serviranno principalmente per il mana incolore, oltre a rari utilizzi per il mana blu e bianco, probabilmente le Distese sono la scelta migliore.
  • Considera la forza delle terre. In generale, la Fontana Santificata è probabilmente più forte delle Distese dell’Adarkar , e molto più forte della Torre Costiera. Vorrai sempre giocare con le terre che sono di solito più forti.
  • Considera gli aspetti unici delle tue terre. La Cancelleria Azorius modifica la tua base del mana in modo particolare. La Fontana Santificata ha dei sottotipi di terra base (IsolaPianura), Isola Pianura), diversamente dalla maggior parte delle terre non base, e quindi può essere cercata in modi che non si applicano alle terre non base (per esempio con Gift of Estates).

ii. Quali combinazioni di multiterre puoi usare? (Distese dell’Adarkar, Barriera di Shiv, Forgia da Campo)

Battlefield Forge

Questa è una domanda difficile che ha una risposta diversa per ogni nuovo mazzo. Se devi aggiungere una fonte di mana rosso, una di mana blu e una di mana bianco, quale terra dovrà essere base e quale dovrà essere multi?

 

  • Considera come minimizzare il prezzo da pagare per le terre (il danno, in questo caso). Diciamo che, mentre voglio poter giocare tutte le mie magie quando le pesco, so che userò principalmente il mana rosso, mentre i mana blu e bianco verranno usati molto meno. Questo significa che vorrò avere varie fonti di mana rosso affidabili e che non mi infliggano alcun danno (Montagnas) come prima cosa (e quindi, di conseguenza, giocherò le, Distese dell’Adarkar) oltre a questa considerazione di base, vorrò comunque un insieme di Forge e Barriere (e anche alcune Isole e Pianure), per aumentare le probabilità di giocare più spesso le mie magie bianche e blu.
  • Considera come giocare al meglio le tue magie. Questo argomento è talmente complesso da aver bisogno di un articolo a parte, ma oggi vediamo almeno qualche aspetto. Diciamo che vogliamo giocare un Lamalesta Boros. Ciò significa che al secondo turno avremo bisogno di una fonte di mana rosso e di una fonte di mana bianco. Da un punto di vista, giocare la Forgia da Campo sembrerebbe la scelta migliore, dato che ci permette di giocare il Lamalesta Boros con una Montagna o una Pianura. Da un altro punto di vista, considerando che abbiamo un numero limitato di posti per il mana, mettere due mana in una carta sola (quando ci servono entrambi per giocare il Lamalesta Boros) diminuisce le nostre possibilità di giocarlo. Questi due fattori sembrano contrastanti, ma in generale se giochi più terre in grado di produrre mana bianco o mana rosso e giochi meno terre che non producono né l’uno né l’altro, ottieni più benefici rispetto a giocare il massimo delle terre che producono entrambi i mana.
  • Inoltre, considera le carte che giocherai di solito insieme ad altre carte nello stesso turno. Per esempio, se gioco un mazzo che ha Uomini Volanti e Tributo di Mana, sarà meglio giocare una Barriera di Shiv e una Pianura invece che una Distesa dell’Adarkar e una Montagna, perché solo la prima coppia mi permette di giocare entrambe le magie, mentre la seconda no.

A volte, se il mazzo non ha richieste specifiche, queste coppie di terre saranno normalmente intercambiabili . (Distese dell’Adarkar + Montagna oppure Barriera di Shiv + Pianura). Inoltre, se abbiamo sia la Barriera di Shiv che la Distesa dell’Adarkar in mano, ci ritroviamo ad avere più opzioni rispetto ad avere due copie della stessa terra; a parità di tutto il resto, un mix è la scelta ideale.

iii. Quali terre base puoi usare? (Montagna, Pianura, Isola)

 

  • Considera le carte che richiedono le terre base (per esempio, il Drago di Rath richiede le Montagnes), e le magie che servono da fixer che possono cercare solo le terre base (che ci spingono a giocare almeno una terra base di ogni colore che potremo voler cercare).
  • Considera le terre che userai di più. Se prevedi di aver bisogno di mana verde ogni turno, dovrai avere una fonte di mana verde stabile e che non ti infligga danno.

Come decidere quali terre usare? Diciamo che abbiamo 3 posti per 2 fonti di mana rosso, una di mana bianco e una di mana blu. Devo decidere (i) quali multiterre usare (Distese dell’Adarkar oppure Fontana Santificata oppure Cancelleria Azorius) (ii) quale mix di multiterre usare (Distese dell’Adarkar oppure Barriera di Shiv oppure Forgia da Campo) e (iii) quale deve essere la terra base?

Se riesci facilmente a soddisfare i tuoi requisiti di mana, potrai considerare la possibilità di aggiungere terre non base con abilità speciali oppure inserire un colore di splash che può dare al tuo mazzo maggiore potere e versatilità.

5. Fai le necessarie modifiche.

Fai un passo indietro e guarda la base del mana in rapporto al mazzo. Funziona?

Alcuni controlli:

 

  • Sei obbligato a giocare così tante multiterre che il prezzo da pagare normalmente ridotto (come il danno che ti viene inflitto ogni volta che tappi le Distese dell’Adarkar o la Barriera di Shiv per il mana colorato) diventa un problema serio?
  • Hai l’impressione di poter giocare ogni magia nel turno in cui la vorrai giocare? (se vuoi essere in grado di giocare Ira di Dio al terzo turno, hai abbastanza acceleratori su cui puoi contare al secondo turno e abbastanza terre in gioco al terzo turno e abbastanza mana per pagare al terzo turno?)
  • Vedi possibilità di miglioramento? (per esempio, puoi avere una carta moderatamente importante che richiede un elevato supporto).

Ogni cosa può essere migliorata. Puoi modificare le terre che hai scelto oppure puoi tornare alla tua idea iniziale del mazzo e renderlo più sostenibile.

6. Ricrea la base del mana.

Attunement

Ripeti l’intero processo, se vuoi fare delle modifiche.

7. Affina e termina.

L’ultimo passo viene dopo aver fatto delle prove reali di come funziona il mazzo. Ci sono problemi che continuano a emergere? C’è qualche carta che ti rimane sempre in mano? Se noti qualche problema, è meglio fare un passo indietro e provare qualche aggiustamento.

Ci rivediamo la prossima settimana per il capitolo finale di questa serie: applicheremo le nostre teorie sulla base del mana e un mazzo reale. Scrivete le vostre liste sul forum e io ne sceglierò una da analizzare.

Jeff

Latest Magic Academy Articles

Daily MTG

26 Aprile 2007

La gestione del Mana Screw by, Jeff Cunningham

Ciao a tutti e bentornati alla Magic Academy! Questa settimana vedremo come gestire al meglio una situazione frustrante, nota a ogni giocatore di Magic: il mana screw. E’ un aspetto impor...

Learn More

Daily MTG

12 Aprile 2007

Aspetti Tattici: Il Turno del tuo Avversario by, Jeff Cunningham

Ciao, a tutti e bentornati alla Magic Academy! Questa settimana daremo un’altra occhiata agli aspetti tattici dei diversi momenti della partita: quando giocare le magie e gli effetti e pe...

Learn More

Articoli

Articoli

Magic Academy Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All