Atti di distruzione

Posted in Making Magic on 11 Agosto 2014

By Mark Rosewater

Working in R&D since '95, Mark became Magic head designer in '03. His hobbies: spending time with family, writing about Magic in all mediums, and creating short bios.

Benvenuti nella settimana di Annihilation. In onore a From the Vault: Annihilation, questa settimana è dedicata a tutto ciò che porta distruzione. Ho valutato diversi argomenti da trattare e ho infine deciso di parlarvi di uno dei miei argomenti preferiti: la struttura dei colori di Magic. L'articolo di oggi descrive come ogni colore "distrugge". Spesso vi parlo della struttura dei colori in generale, mentre oggi analizzerò in profondità un aspetto particolare.

Prima di iniziare, permettetemi di spiegare che, per poter trattare interamente l'argomento, analizzerò la distruzione dei permanenti nel senso ampio del termine (ciò che ogni colore può fare per gestire ogni tipo di permanente), non solo degli effetti specifici di "distruzione", parola che in Magic ha un significato particolare.

Iniziamo proprio come facciamo nel team di Ricerca e Sviluppo: dal bianco. I file del team di Ricerca e Sviluppo sono bianco, blu, nero, rosso, verde e WUBRG (che noi pronunciamo "wooberg").

Bianco

Distruggere o esiliare le creature attaccanti o bloccanti

Il bianco ha un elevato senso morale, quindi è importante creare un codice rigido che descriva quando è appropriato distruggere un'altra creatura. Come avrete notato, il bianco ha definito diversi modi per giustificare le proprie azioni. Il primo modo riguarda il combattimento. Secondo il bianco, in amore e in guerra tutto è permesso (ok, almeno in guerra). Se qualcuno attacca il bianco o blocca il bianco, la creatura è coinvolta nel combattimento e quindi il bianco ha il permesso di distruggerla.

Danno diretto alle creature attaccanti o bloccanti

Questa è una variante della categoria precedente, che permette al bianco di occuparsi delle noiose creature attaccanti e bloccanti, utilizzando il danno diretto invece della distruzione. Il limite più grande è che questo tipo di distruzione si basa sul danno e non funziona al meglio con le creature più resistenti.

Distruggere le creature che hanno inflitto danno a noi o alle nostre creature

Uno dei concetti del bianco è quello che il team di Ricerca e Sviluppo chiama la regola del "non metterti contro di me o contro i miei amici". Questo concetto è molto simile a quello dei cavalieri bianchi o alla Federazione di Star Trek. Il bianco considera se stesso il bene, quindi non prevede di "colpire per primo", ma ha il diritto di distruggere non appena la creatura dell'avversario colpisce il mago bianco o le sue creature.

Distruggere le creature con forza pari o superiore a 4

Dato che è il colore dei "piccoli", il bianco ha uno stile "Davide contro Golia" che gli permette di distruggere le creature grandi, di solito quelle con forza pari o superiore a 4.

Distruggere le creature tappate

Il bianco può distruggere le creature che attaccano o che lo bersagliano. Dato che il risultato finale di entrambi (la maggior parte delle volte) è che la creatura viene tappata, distruggere una creatura tappata è una versione che viene a volte utilizzata.

Io non sono un grande fan di questo tipo di carte, perché permettono al bianco di distruggere creature che vengono tappate solo per aiutare l'avversario, senza però creare minacce per il giocatore bianco, comportamento che non è allineato allo stile del bianco.

Distruggere le creature nere o rosse

Il bianco considera pericolosi il nero e il rosso. Si sente quindi a volte giustificato a ripulire immediatamente il mondo dalle creature del male o pericolose. Notate che questo tipo di effetto viene utilizzato raramente e maggiormente contro il nero che contro il rosso.

Ridirigere il danno

Un altro modo in cui il bianco può distruggere le creature è di ridirigere il danno su di loro. Questo tipo di effetto è proprio affine allo stile di lasciare che sia l'avversario a colpire per primo.

Distruggere creature bersaglio e dare qualcosa in cambio

Al bianco è permesso distruggere le creature (di solito qualsiasi creatura) e poi dare al controllore della creatura qualcosa di valore in cambio della perdita.

Questa è un'altra categoria che non mi piace molto perché, se portata all'estremo, permette al bianco una distruzione di creature più potente di ogni altro colore. Dato che il bianco dovrebbe essere più debole del nero (e, secondo molti, anche del rosso) sotto questo aspetto, la struttura dei colori è stata a volte storpiata. Da Spade, a Spighe!, dell'espansione Alpha, è l'esempio più lampante di questo problema.

Rimozioni globali (a volte con esclusioni)

Oltre ad avere la capacità di distruggere singole creature, il bianco è uno dei colori in grado di distruggere tutte le creature (a volte lasciandone una parte in vita). Questo tipo di effetto è un esempio del senso di giustizia del bianco, che prevede di trattare tutte le creature con equità. Dà inoltre anche un'idea dell'aspetto vendicativo del bianco.

Avere o fornire attacco improvviso o doppio attacco

Un altro modo che il bianco possiede per uccidere è quello di sorprendere l'avversario durante il combattimento con un'abilità che fornisce attacco improvviso o doppio attacco a una delle sue creature attaccanti o bloccanti.

Aure che impediscono di attaccare, bloccare e attivare le abilità attivate

Questo è un caso un po' particolare. A volte il bianco gestisce le creature (a volte anche i permanenti) non rimuovendole dal campo di battaglia, bensì rendendole inermi. Questo effetto è di solito ottenuto con un'aura. Io sono un grande fan di questa categoria, dato che mi sembra proprio nello stile del bianco non uccidere se non strettamente necessario e permette di avere risposte alle risposte del bianco, fatto che rende le rimozioni del bianco diverse dalle rimozioni degli altri quattro colori.

Aure che prevengono il danno del permanente incantato

Questo è un sottoinsieme della categoria precedente. Invece di impedire di attaccare o bloccare, l'aura previene tutto il danno che verrebbe inflitto dalla creatura incantata. A volte previene anche il danno che verrebbe inflitto alla creatura incantata.

Incantesimi che creano un costo da pagare per le azioni dei permanenti dell'avversario

Un'altra variante delle due categorie precedenti è data da un incantesimo (di solito un'aura, ma non necessariamente) che impedisce l'utilizzo di un permanente (di solito una creatura, ma non sempre) a meno che l'avversario non paghi un costo (di solito mana, ma può essere anche un costo diverso). Questo tipo di effetto è nello stile del bianco, che crea le regole che limitano ciò che gli altri posso fare (le tasse).

Creature o incantesimi che esiliano un permanente finché non lasciano il campo di battaglia

Questo è il gruppo di carte che esiliano un permanente (di solito una creatura, ma il bianco può esiliare qualsiasi tipo di permanente) quando entrano nel campo di battaglia e lo mantengono esiliato finché non lasciano il campo di battaglia. Questa è un'altra categoria del tipo "risposte a cui c'è risposta" del bianco.

Esiliare per un breve periodo le creature

Il bianco è il colore che rallenta le minacce, quindi possiamo considerare questa categoria come una specie di rimozione temporanea. Il bianco ha la capacità di esiliare una creatura fino alla fine del turno, effetto che può consentire al bianco di trovare una risposta nel breve termine ad alcuni permanenti problematici.

Distruggere o esiliare gli incantesimi

Il bianco è il colore più forte per la distruzione degli incantesimi e ha di solito una comune in ogni espansione in grado di distruggere un incantesimo. A meno che gli incantesimi non siano una delle tematiche principali del blocco (come nel caso di Theros), queste carte sono di solito deboli.

Distruggere o esiliare gli artefatti o gli incantesimi

Quando il gioco fu creato, il bianco era il colore in grado di "distruggere un artefatto o un incantesimo bersaglio", con la carta Disincantare. L'abilità è poi mutata da una caratteristica del bianco a una caratteristica del verde. Il bianco è ora il colore secondario per questa abilità, il che significa che le carte con questo effetto saranno più spesso non comuni e di solito con una forza inferiore alle corrispondenti del verde. Un effetto che è una caratteristica del bianco e non del verde è la capacità di esiliare gli artefatti o gli incantesimi.

Blu

Trasformare i permanenti in altri permanenti (la maggior parte delle volte dello stesso tipo)

Il bianco ha molti modi per distruggere i permanenti e molti più modi per gestirli senza distruggerli. Il blu ne ha molti del secondo tipo ma pochi del primo. Questa categoria può in effetti essere vista come una forma di distruzione (nonostante sia più orientata a esiliare o mettere in fondo al grimorio rispetto alla vera distruzione) ma non porta a disfarsi delle creature; al contrario, le trasforma in creature diverse. Di solito, quando questo tipo di effetto è utilizzato contro l'avversario, trasforma una creatura pericolosa in una creatura più facile da gestire.

Neutralizzare i permanenti nel momento in cui vengono lanciati

Questo è uno dei metodi a lungo termine più efficienti del blu per annullare le minacce dei permanenti (notate che il blu può anche neutralizzare le magie che non creano un permanente, ma non è un argomento per l'articolo di oggi). Spesso vi racconto di quanto il blu sia il colore più reattivo e questo aspetto può essere notato dal fatto che gli strumenti più potenti possono essere usati solo in risposta a una magia che viene lanciata. Il vantaggio è che il blu ha gli strumenti per gestire qualsiasi tipo di magia. Lo svantaggio è che il blu ha solo un breve momento in cui è in grado di farlo.

Far tornare i permanenti in mano al proprietario

Questa è un'altra categoria in cui il blu la fa da padrone. Il blu è in grado di "rimbalzare" qualsiasi permanente. Questo effetto permette quindi al blu di usare le sue contromagie per annullare le minacce ma, se il blu non ha questa contromisura, questa categoria riesce solo a ritardare le minacce invece di sbarazzarsene. Notate che rimbalzare le pedine le rimuove permanentemente dal gioco, dato che svaniscono non appena lasciano il campo di battaglia.

Far tornare i permanenti in cima al grimorio al proprietario

Questa categoria è una versione più forte della precedente. Il blu può non solo "rimbalzare" i permanenti, ma anche rispedirli in cima al grimorio da cui hanno avuto origine.

Prendere possesso delle creature

Questa è una delle contromisure più durature e non distruttive del blu. Perché distruggere una risorsa di valore quando possiamo prenderne possesso? Anno dopo anno, il team di Ricerca e Sviluppo ha aumentato il livello di rarità degli effetti di controllo per il Limited, quindi ora sono presenti solo su carte rare o mitiche.

Copiare le creature

A volte il blu non è in grado di prendere possesso di ciò che desidera ed è costretto a copiarlo. Considerare questo tipo di effetto come distruzione è un po' eccessivo, ma ci sono casi in cui l'unico modo che ha il blu di gestire una minaccia è di rispondere ad armi pari. In maniera simile agli effetti di cambio di controllo, il livello di rarità degli effetti di copia è salito nel corso degli anni.

Forzare un attacco

Un altro modo che ha il blu di gestire le creature è di obbligarle ad attaccare, per poi bloccare e uccidere gli attaccanti. Il blu è il colore secondario, dopo il rosso, che possiede questo tipo di capacità.

Incantesimi che impediscono ai permanenti di stappare

Una delle contromisure più comuni del blu in Limited è data dagli incantesimi (di solito aure) in grado di tenere tappato un permanente (di solito una creatura). A volte la magia ha anche l'effetto di tappare il permanente, ma non sempre.

Magie o abilità che tappano le creature e che, molto spesso, impediscono di stapparle nel turno successivo

Questa è una variante della categoria precedente, non definitiva. Questa abilità viene a volte aggiunta a permanenti in grado di utilizzarla più volte.

Abilità attivate che tappano le creature

Questa è un'altra variante delle due categorie precedenti, tranne per il fatto che è un'abilità attivata che può essere usata tutti i turni. La maggior parte delle volte l'abilità richiede mana per essere utilizzata e di solito permette di tappare o stappare un permanente, normalmente una creatura.

Diminuire la forza delle creature

Il blu è il colore in grado di dare –N/-0, che il team di Ricerca e Sviluppo chiama "rimpicciolire". Questo effetto può essere creato da un istantaneo, spesso in grado di influenzare più creature fino alla fine del turno. Può anche essere creato da un'aura. A volte può essere creato da incantesimi non aura.

Modifica di forza e costituzione

Un'altra caratteristica del blu è la capacità di modificare i valori base di una creatura, rendendola una minaccia più facile da affrontare.

Fornire l'inconveniente delle illusioni

Il blu è il colore dell'illusione, quindi possiede quello che noi chiamiamo "inconveniente delle illusioni" (precedentemente chiamato "codardia" dal Fantasma Codardo, quando l'abilità era caratteristica del nero), che obbliga il controllore della creatura a sacrificarla appena viene bersagliata. Il blu ha la capacità di innestare questa menomazione sulle creature dell'avversario.

Esiliare per un breve periodo le creature

Di questa abilità abbiamo già parlato nella sezione del bianco. Anche il blu ha questa abilità. Il bianco è il colore primario per questo effetto, mentre il blu è il colore secondario e ha accesso a questo tipo di effetto quando necessario.

Nero

Distruzione di creature

Il blu non è un buon esempio di distruzione, mentre il nero lo è, soprattutto quando si tratta di creature. In ogni espansione il nero ha molte magie comuni per uccidere le creature. Nel passato era di solito presente un'eccezione ("non nera" era la più frequente), mentre ora abbiamo permesso al nero di avere rimozioni incondizionate.

Fornire –N/-N

Il nero ha un'enorme capacità di uccidere le creature e ha anche diversi modi per farlo (in fondo, il nero è il colore che ha la morte come alleato). Il nero è in grado di ridurre la costituzione, facendola scendere a 0 per uccidere le creature. Questo effetto è spesso ottenuto con magie o abilità. In alcuni casi il nero usa le aure, quindi l'effetto rimane anche se non è sufficiente per uccidere la creatura. Il nero di solito riduce anche la forza insieme alla costituzione.

Distruggere le creature che hanno subito danno

Questo effetto non è molto utilizzato, ma il nero ha a volte la possibilità di uccidere chi ha già subito danno. Realizziamo carte di questo tipo perché corrispondono allo stile del nero e sono valide per il Limited per fare in modo che alcune delle rimozioni per creature del nero siano meno efficienti.

Risucchio della vita delle creature

Di solito gli effetti di distruzione neri non si basano sui danni, che sono una caratteristica del rosso, ma il nero ha un'eccezione (ok, ce ne sono due), che è ciò che viene chiamato "risucchio". Queste magie infliggono danno a una creatura e fanno guadagnare altrettanti punti vita a chi ha lanciato la magia. In passato la quantità di punti vita guadagnati era legata alla quantità di danni inflitti, mentre le carte più recenti definiscono le quantità al momento del lancio.

Obbligare al sacrificio

Aspettate, non abbiamo ancora finito con il nero. Un altro asso nella manica è la capacità di obbligare i giocatori a sacrificare le creature. Questo tipo di effetto è debole contro gli avversari con tante creature sul campo di battaglia, ma permette al nero di uccidere alcune creature che altrimenti sarebbero molto difficili da far fuori (come le creature con protezione dal nero).

Avere o fornire tocco letale alle creature

Tocco letale è uno degli strumenti dell'arsenale del nero. Le creature piccole possono diventare spaventose se sono in grado di uccidere le altre creature, indipendentemente dalle dimensioni. Un altro stratagemma famoso del nero è di fornire tocco letale alle creature (di solito come istantaneo, anche se il nero riesce a farlo anche con le aure) durante il combattimento, dopo che sono state dichiarate le creature attaccanti e/o bloccanti.

Distruggere tutte le creature

Il bianco possiede le magie di rimozione di massa più iconiche, mentre il nero, che è il colore che uccide le creature con più facilità, non ha difficoltà a uccidere tutte le creature (o tutte tranne una categoria). Il nero può utilizzare uno qualsiasi dei vari metodi per uccidere.

Distruggere una creatura ogni turno

A volte il nero si prende tempo per uccidere. Questo effetto è presente su un permanente che rimane sul campo di battaglia e uccide una creatura ogni turno. Il team di Ricerca e Sviluppo fa riferimento a queste carte con il nome "Abisso", dal famoso incantesimo di Leggende che è stato il primo con questo effetto.

Permanenti che possono essere attivati per infliggere danno a tutto

Questo effetto era presente nel nero in passato, in linea con lo stile del nero che è il colore delle malattie.

Incantesimi che hanno un effetto negativo quando le creature attaccano o bloccano

A volte il nero tortura invece di uccidere immediatamente. Questa categoria permette al nero di mantenere il controllo attraverso la minaccia di effetti negativi invece della distruzione.

Distruggere i Planeswalkers

I Planeswalkers sono un tipo di permanente che solo il nero è in grado di distruggere con una magia o un'abilità (gli altri colori possono distruggerli attaccando i Planeswalkers con le creature. Il verde ha un'eccezione, che vedremo tra poco).

Rimuovere tutti i segnalini

Il nero può anche uccidere rimuovendo i segnalini fedeltà da un Planeswalker oppure i segnalini +1/+1 da una creatura 0/0.

Distruggere le terre

Il nero è il colore secondario nella distruzione delle terre, insieme al verde, mentre il colore primario è il rosso.

Obbligare a scartare

Se uccidere non dovesse essere abbastanza, il nero ha un'altra arma di grande potenza nel suo arsenale per sbarazzarsi dei permanenti fastidiosi. Li toglie di torno ancor prima che vengano giocati. Far scartare per il nero è l'equivalente del neutralizzare per il blu. Questa è la risposta universale a un sacco di problemi.

Rosso

Infliggere danno alle creature e/o ai Planeswalkers

Mentre il nero è il re della distruzione, il rosso è il re del danno diretto. Tra tutte le meccaniche di Magic, in ogni espansione il rosso ha più magie di danno diretto di quante carte abbia qualsiasi altro colore di qualsiasi altra meccanica. Ciò è in parte fuorviante, perché il danno diretto del rosso comprende in realtà meccaniche diverse. Le principali fonti di danno del rosso infliggono un certo numero di danni, rendendo le creature con costituzione elevata il punto debole del rosso.

Infliggere danno a tutte le creature e/o a tutti i Planeswalkers

Il danno può essere diretto a una singola creatura oppure può essere diretto a più creature e a volte anche a tutte le creature (anche le nostre). Questa è la categoria delle rimozioni globali del rosso.

Infliggere danno suddiviso

Questa categoria è un ibrido tra le prime due. A volte il rosso può suddividere il suo danno diretto, spesso distruggendo più creature, ma non tutte.

Distruggere le creature con difensore

Il rosso non ha molte magie di distruzione delle creature, ma in qualche modo il suo odio nei confronti di chi si rifiuta di combattere ha un'eccezione.

Far lottare due creature

Il rosso è il colore secondario dell'abilità lottare, mentre il verde è il colore primario. Il rosso non usa molto questo effetto, ma è uno degli strumenti a disposizione nel suo arsenale.

Avere o fornire attacco improvviso o doppio attacco

Come il nero ha tocco letale per uccidere i suoi nemici, il rosso ha attacco improvviso e doppio attacco. Uno degli stratagemmi da combattimento più comuni del rosso è di fornire attacco improvviso o doppio attacco e potenziare le creature.

Infliggere danno alle altre creature quando si viene danneggiati

Uno dei modi in cui il rosso può infliggere danno alle creature è di rendere pan per focaccia. Questa categoria permette di infliggere un danno per ogni danno che viene inflitto alla creatura con questo tipo di abilità.

Raddoppiare il danno

Questa abilità è un po' più indiretta, ma aiuta le creature del rosso e il danno diretto a uccidere le creature che non riuscirebbero a uccidere normalmente.

Prendere temporaneamente il possesso dei permanenti

Il blu ha la capacità di prendere permanentemente il possesso dei permanenti (di solito le creature), mentre il rosso riesce a farlo temporaneamente. Questa categoria, se combinata con gli effetti di sacrificio, è un'ottima accoppiata per uccidere le creature dell'avversario.

Obbligare le creature ad attaccare

Il rosso è il colore della passione e può infiammare le creature e spingerle a compiere azioni che normalmente non compierebbero, come attaccare...

Obbligare le creature a bloccare

...o bloccare.

Distruggere gli artefatti

Il rosso è il re della distruzione degli artefatti. Perché? Perché far saltare in aria gli oggetti è divertente.

Distruggere le terre

Il rosso è il colore primario della distruzione delle terre. Abbiamo deciso di diminuire la forza della distruzione delle terre, ma è sempre un effetto disponibile per il rosso al livello di rarità comune. Il rosso ha anche messo i piedi a bagno nella distruzione di massa delle terre.

Verde

Far lottare due creature

Uno dei punti deboli del verde è la necessità di avere creature per riuscire a distruggere le creature dell'avversario. La meccanica lottare, che ha il verde come colore primario, è un'ottima risposta alle creature per il verde, a patto che siano disponibili creature da far lottare.

Distruggere le creature volanti

Il verde normalmente non è in grado di distruggere le creature, con tre eccezioni: le creature volanti, le creature artefatto e le creature incantesimo (parleremo tra poco degli ultimi due casi). Dato che il verde ha seri problemi a volare, ha a disposizione molti strumenti per gestire le creature volanti (raggiungere è una delle principali risposte).

Avere o fornire tocco letale alle creature

Oltre al nero, anche il verde ha accesso all'abilità tocco letale. Diversamente dal nero, è improbabile che il verde riesca a fornire tocco letale alle sue creature con istantanei.

Obbligare le creature a bloccare

Il verde ha poche risposte alle creature dell'avversario con le proprie, ma non significa che non ci siano modi per sbarazzarsene. Un altro modo per far scontrare le creature è forzare le scelte dell'avversario. Il verde ha un sacco di tipi di effetti diversi in questa categoria. Può obbligare una creatura bersaglio a bloccare, può obbligare una creatura a scelta dell'avversario a bloccare o può obbligare tutte le creature a bloccare.

Distruggere gli artefatti o gli incantesimi

Per quanto riguarda la distruzione, l'ambito in cui il verde la fa da padrone è quello che il team di Ricerca e Sviluppo chiama effetto Ritorno alla Natura, cioè la distruzione di un artefatto o un incantesimo. Il bianco è il colore primario per la distruzione degli incantesimi e il rosso è il colore primario per la distruzione degli artefatti, mentre il verde è il colore primario per la distruzione di uno dei due. Notare che, tanto tempo fa, questo era un effetto caratteristico del bianco. Ciò permette al verde di uccidere le creature artefatto e le creature incantesimo.

Distruggere le terre

Il verde è il colore secondario nella distruzione delle terre, insieme al nero. Non ha una quantità di effetti di distruzione di terre come il rosso, ma si difende bene.

Distruggere i permanenti non creatura

Alcuni ritengono che il verde sia il colore primario della distruzione delle terre perché è il miglior colore con questa abilità, che è abbastanza flessibile da essere ampiamente utilizzata. Questa abilità permette al verde di distruggere anche i Planeswalkers (effetto che, stranamente, non è disponibile in maniera diretta).

Osserviamo il mondo in fiamme

Ce l'abbiamo fatta! Questo è tutto (insomma, quasi tutto, sono sicuro di aver dimenticato qualcosa) per le abilità di "distruzione" in tutti i colori. Non perdetevi l'articolo su From the Vault: Annihilation, con alcune carte iconiche di distruzione provenienti dall'intera storia di Magic.

Sono curioso di sapere le vostre opinioni sull'articolo di oggi, che è stato più un manuale che un articolo come quelli a cui siamo abituati. Vi piacerebbe leggere più articoli di questo tipo? Fatemi sapere cosa ne pensate mandandomi una mail o contattandomi attraverso uno dei miei social media (Twitter, Tumblr, Google+ e Instagram).

Ci rivediamo tra una settimana, con l'articolo annuale sullo stato della progettazione.

Nel frattempo, che possiate trovare le risposte alle minacce del vostro avversario ogni volta che ne avrete bisogno.


"Drive to Work #146—Moderazione"

Nel primo podcast di oggi vi racconto una delle più importanti lezioni di progettazione, imparata in tutti questi anni: il potere della moderazione.

"Drive to Work #147—Unhinged, parte 1"

Il secondo podcast di oggi è la prima parte di una serie di cinque sulla progettazione di Unhinged. Con un approccio un po' diverso, vi racconto la progettazione di tutte le 140 carte dell'espansione.

Latest Making Magic Articles

MAKING MAGIC

18 Gennaio 2021

L'alba di un mondo vichingo, parte 2 by, Mark Rosewater

La scorsa settimana, ho iniziato a raccontarvi la storia della progettazione di Kaldheim. Ho impostato il racconto in modo da suddividerlo negli otto argomenti che abbiamo definito durant...

Learn More

MAKING MAGIC

11 Gennaio 2021

L'alba di un mondo vichingo, parte 1 by, Mark Rosewater

Benvenuti al mio primo articolo di anteprima di Kaldheim. Nell’articolo di oggi e nella seconda parte della prossima settimana vi racconterò la storia della progettazione e vi farò vedere...

Learn More

Articoli

Articoli

Making Magic Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All