Tutto il mondo è un palcoscenico

Posted in Making Magic on 1 Dicembre 2014

By Mark Rosewater

Working in R&D since '95, Mark became Magic head designer in '03. His hobbies: spending time with family, writing about Magic in all mediums, and creating short bios.

Benvenuti alla settimana dedicata ai Campionati Mondiali. Questa settimana si svolge il 21° Campionato Mondiale di Magic: The Gathering, nella città di Nizza, in Francia (potete vederlo in diretta qui). All'inizio ho pensato che sarebbe stato divertente farvi scoprire qualcosa di tutti i Campionati Mondiali (sono stato presente a tutti tranne uno), ma mi sono ricordato che l'ho già fatto nel 2009. Dopo averci pensato un po', mi è anche venuto in mente di aver scritto un intero articolo sul primo Campionato Mondiale nel 1994 e sul secondo Campionato Mondiale nel 1995. Ho addirittura scritto un articolo pieno di fatti curiosi sui Campionati Mondiali. Per l'articolo di oggi ho pensato quindi di concentrarmi su un aspetto diverso.

Dovete sapere che, per molti anni, sono stato a ogni Pro Tour. Il mio lavoro in quel periodo era la supervisione dei Feature Match, con la selezione e l'arbitraggio degli incontri. La domenica, avevo tuttavia il ruolo di produttore video, con la responsabilità della supervisione delle componenti video della finale. Sceglievo i commentatori e interagivo con il direttore per la selezione dell'incontro da riprendere in ogni momento. Oggi vorrei iniziare dai Campionati Mondiali in cui ho svolto il ruolo di produttore video per la prima volta, nel 1996, offrendovi poi un racconto da ognuno dei successivi tre Campionati Mondiali. In questo modo potrete avere un punto di vista diverso sui Campionati Mondiali di Magic: The Gathering.

Campionato Mondiale 1996: Il replay

Il Campionato Mondiale 1996 è stato unico in quanto si è svolto a Renton, nello stato di Washington, negli uffici di Wizards of the Coast. Non in un luogo vicino o in un albergo. L'evento si è svolto letteralmente nel nostro edificio. Ogni dipendente della nostra società ha interrotto il proprio lavoro per una settimana, per potersi concentrare sul Campionato Mondiale.

Questo è stato il primo Campionate Mondiale che valeva anche come Pro Tour e si è svolto nel periodo in cui mi occupavo ancora della telecronaca. Esatto, tanto tempo fa avevo il ruolo di commentatore delle scelte di gioco e ospitavo diversi giocatori Pro per affiancarmi nella cronaca. Il primo Pro Tour è stato proprio caotico (ho realizzato un intero podcast, nel caso siate curiosi di scoprire i dettagli più scabrosi). Il secondo Pro Tour, svolto a Los Angeles, è stato il primo in cui ho lavorato con un commentatore che era anche un giocatore Pro. Si trattava di Mark Justice e l'unica sala insonorizzata che i tecnici erano riusciti a trovare a bordo della Queen Mary è stata una cabina telefonica. Era una cabina telefonica grande, ma io e Justice ci abbiamo trascorso ben dodici ore, fino alla fine dei Top 8. Stavamo davvero per ordinare una pizza a domicilio in diretta (eravamo decisamente affamati). In finale, Shawn "Hammer" Regnier ha sconfitto Tom Guevin, entrambi americani. "Hammer" mi ha poi affiancato come commentatore nel successivo Pro Tour, svolto a Columbus, in cui l'esordiente svedese Olle Råde ha sconfitto l'americano Sean Fleischman.

Il successivo Pro Tour fu il Campionato Mondiale 1996, nell'adorata Renton, nello stato di Washington. Per quell'evento, ho chiesto di svolgere il ruolo di commentatore di supporto a Mark Chalice. La storia di Mark Chalice è probabilmente ignota. Nonostante molti piazzamenti nei Top 16, solo una volta si è qualificato per i Top 8. Chalice era conosciuto per le sue ottime prestazioni nel girone di Svizzera, per poi perdere però l'ultimo incontro per entrare nei Top 8. Al Campionato Mondiale 1996 arrivò infatti undicesimo. Chalice era anche uno dei sedici partecipanti al primo Duelist Invitational a Hong Kong.

Ho deciso di chiedere a Chalice di unirsi a me per il commento per tre motivi. Primo, era un ottimo giocatore e ho pensato che avrebbe avuto molti aneddoti interessanti da raccontare. Secondo, eravamo amici fin da quando ho vissuto a Los Angeles, periodo nel quale ci frequentavamo. Terzo, era anche amico di Mark Justice, che è stato uno dei finalisti, e sapevo che avrebbe avuto ottimi commenti sulla preparazione di Justice per questo torneo.

Mark Justice, per chi non lo sapesse, è stato il primo personaggio famoso nel mondo professionistico di Magic. Nel 1995 arrivò secondo al Campionato Regionale del Sud-Est (nel 1995, ogni regione aveva il proprio torneo e i primi classificati venivano invitati ai nazionali). Justice ha conquistato il titolo di campione degli Stati Uniti, sconfiggendo Henry Stern. Al Campionato Mondiale, Justice si è piazzato in terza posizione ed era un membro della squadra campione (la squadra nazionale statunitense, con Justice, Stern, Mike Long e Peter Lieher, è stata la prima squadra campione del mondo; ve ne parlo nell'articolo di cui trovate il link sopra).

Mark Justice (a destra) gioca con Blumke (a sinistra) durante il Campionato Mondiale 1995

Justice si è poi qualificato per i Top 8 al primo Pro Tour. In quel periodo, se avessimo fatto un sondaggio tra i giocatori di Magic e avessimo chiesto loro chi era il più forte giocatore del mondo di Magic, la maggior parte avrebbe detto Mark Justice. Il Campionato Mondiale 1996 ha rafforzato questa idea, dato che Mark Justice si è qualificato per la finale. Il suo avversario è stato l'australiano Tom Chanpheng. Quel Campionato Mondiale è stato il primo Pro Tour di Chanpheng, precedentemente sconosciuto. Appena prima della finale, tutti erano convinti che Justice, il "miglior giocatore del mondo", avrebbe ottenuto il titolo di Campione del Mondo di Magic.

In quel periodo, la logistica della sala prevedeva il torneo al primo piano, nell'androne, mentre io e Chalice eravamo in una saletta del secondo piano. Osservavamo il gioco attraverso le telecamere utilizzate per trasmettere le immagini al pubblico, in una terza sala. Vorrei dire che io e Chalice siamo stati fantastici, ma non sarebbe corretto. Io avevo una grande conoscenza del Pro Tour, ma la mia capacità di riassumere rapidamente ciò che stava succedendo era molto scarsa. Come avete potuto vedere l'anno successivo, il mio regno da commentatore delle azioni di gioco è stato breve.

L'errore più grande che abbiamo commesso è stato durante la seconda partita. Justice era il giocatore più conosciuto e Chanpheng aveva il mazzo favorito. Justice giocava un Necrodeck mononero (cioè un mazzo costruito intorno alla carta di Era Glaciale chiamata Necropotenza), mentre Chanpheng giocava un mazzo White Weenie progettato per sconfiggere il mazzo Necrodeck.

Escludendo una carta inutilizzabile dovuta a un errore di lista, il mazzo di Chanpheng era favorito. Justice aveva perso la prima partita. A metà della seconda partita, Chalice era convinto che gli arbitri avessero commesso un errore. Era così sicuro che ci ha chiesto di interrompere la partita per permetterci di visionare le registrazioni. Sono molto rari i momenti nella storia del Pro Tour in cui abbiamo interrotto una partita per poter rivedere le azioni di gioco registrate; forse è stata addirittura l'unica volta. Dopo circa mezz'ora di visione della registrazione da parte degli arbitri, la conclusione è stata che Chalice... si era sbagliato. Ho ricevuto un sacco di occhiatacce e tutti se ne sono andati, per tornare alla finale.

Per chi non conoscesse ancora l'evoluzione della finale del Campionato Mondiale 1996, la giocata chiave è stata un doppio Consulto Demoniaco lanciato da Justice che è andato storto. Justice non è riuscito a recuperare e ha perso contro Chanpheng. L'australiano ha ricevuto un trofeo con, incorporata, una carta esistente in un'unica copia (davvero, l'abbiamo stampata e poi abbiamo mostrato un video nel quale distruggevamo tutte le altre copie).

Nel frattempo, nella competizione a squadre, i giovani esordienti della Repubblica Ceca erano in vantaggio, ma la squadra statunitense è riuscita a vincere il titolo per il secondo anno di fila.

L'evento ha avuto successo, anche se le riprese video (disponibili solo per le persone nell'edificio, dato che non c'erano spettatori e la tecnologia streaming non è esistita per altri venti anni) non sono state proprio eccellenti.

Campionato Mondiale 1997: L'inizio dello spettacolo

Per il terzo anno consecutivo, il Campionato Mondiale si è svolto a Seattle, ma questa volta, con l'obiettivo di portare l'attenzione sulla nostra nuova catena di negozi, abbiamo organizzato il Campionato Mondiale 1997 nel negozio più importante di Wizards of the Coast nel distretto dell'Università di Seattle (l'università di Washington, nota in città come "U Dub").

Nel frattempo, stavamo cercando di dare un profilo di maggiore importanza al Pro Tour, quindi Wizards ha siglato un accordo con ESPN2 per la produzione di spettacoli su Magic. Ogni spettacolo aveva una durata di un'ora ed era dedicato a un diverso Pro Tour. Il primo è stato il Campionato Mondiale 1997. Significa che il mio ruolo di produttore video ha avuto un grande aumento di lavoro. Prima dell'inizio dell'evento dovevo preparare l'elenco dei giocatori più famosi, con cui avremmo dovuto organizzare delle interviste. L'obiettivo era di avere filmati di alcuni giocatori dei Top 8 già all'inizio del torneo. Ovviamente, non sapendo chi sarebbero stati i giocatori in Top 8, non potevamo fare altro che cercare di indovinare.

Una persona che ho scelto di intervistare era un giovane giocatore della Repubblica Ceca chiamato Jakub Slemr. Aveva ottenuto un buon risultato nella competizione a squadre del precedente Campionato Mondiale, ma non era ancora riuscito a ottenere piazzamenti di rilievo nelle competizioni individuali. Mi è stato chiesto perché io avessi inserito il suo nome nell'elenco e tutto ciò che potevo dire era che pensavo che avrebbe ottenuto un buon risultato. E ce l'ha fatta. Jakub è diventato il Campione del Mondo 1997 e noi avevamo una sua intervista prima dell'evento.

Jakub Slemr, Campione del Mondo 1997

Per gli amanti delle curiosità meno note sui Pro Tour, il presentatore del Campionato Mondiale 1997 era l'ora famoso presentatore di Survivor, Jeff Probst. La finale è stata filmata in una cantina del Tournament Center di Wizards of the Coast, che non era neanche grande abbastanza. La telecamera montata su un'asta che può essere sollevata per mostrare il tavolo dall'alto, aveva una capacità di movimento ridotta. Dato che la stanza non era ben ventilata, le luci rendevano la cantina molto calda.

Nell'anno successivo al precedente Campionato Mondiale, sapevamo che io non ero tagliato per essere un commentatore. Ho provato con diversi presentatori e i due commentatori del Campionato Mondiale 1997 sono stati una strana coppia. La descrizione delle azioni di gioco è stata di nuovo presentata da un progettista Magic, ma non da me. Per questo evento è stato scelto Mike Elliott (noto per essere in seconda posizione nel ruolo di lead designer di Magic). Per i commenti sulle partite è stata scelta una persona chiamata Jeff Donais. Donais ha poi lavorato per Wizards e ha addirittura gestito il Pro Tour per vari anni. In quel periodo era un giocatore (e un organizzatore di tornei) e ha partecipato da giocatore al Campionato Mondiale 1997. Devo dirvi che ho rischiato di perderlo perché è stato in lizza per i Top 8. Jeff non ha perso un incontro per l'intera prima giornata e ha ottenuto buoni risultati nella seconda giornata. Per qualificarsi per i Top 8, avrebbe dovuto ottenere un punteggio di 2–4–1 nella terza giornata. Le speranze di Donais sono andate in fumo, dato che ha ottenuto solo un risultato di 1–5–1.

L'altro racconto divertente riguarda la decisione di vestire di tutto punto la squadra americana. Molte squadre nazionali si erano presentate vestite in uniforme, apparendo splendide sullo schermo. La squadra statunitense non aveva alcuna uniforme e aveva un aspetto mediocre. Vi ricordo che questo è stato il terzo anno in cui il Campionato Mondiale prevedeva una competizione a squadre e che gli Stati Uniti avevano conquistato il titolo nei due anni precedenti. Abbiamo mandato varie persone in giro per Seattle alla ricerca di magliette con la bandiera americana e, alla fine, le abbiamo trovate. La squadra statunitense ha avuto una prestazione pessima, terminando molto lontana dalla cima della classifica. Il titolo è stato vinto dalla squadra canadese, che ha sconfitto la squadra svedese e ha tenuto il titolo nel nord America. Nella squadra canadese giocava il fratello di Jeff Donais, Mike Donais, che ha poi lavorato nel team di Ricerca e Sviluppo.

Jakub Slemr ha sconfitto il tedesco Janusch Kuhn nella finale individuale. Il canadese Paul McCabe è giunto terzo, risultato che gli ha permesso di conquistare il secondo titolo di Pro Player of the Year della storia. Le nostre riprese sono state notevolmente migliori nel 1997 rispetto al 1996, soprattutto grazie alle risorse addizionali fornite dall'ESPN2. Jeff Donais si è dimostrato un buon commentatore, ma ho perso la possibilità di averlo con me quando ha iniziato a lavorare in Wizards come tournament manager del Pro Tour.

Campionato Mondiale 1998: due cerimonie

Anche il Campionato Mondiale 1998 si è svolto a Seattle, ma non nella sede di Wizards of the Coast, bensì nell'università di Washington. Quella stagione era stata dominata dagli Stati Uniti, che avevano vinto tutti i Pro Tour dell'anno. La domanda era "Riusciranno a fare bottino pieno della stagione Pro Tour, vincendo anche l'evento finale, il Campionato Mondiale 1998 di Magic?".

Proprio come nel 1997, il Campionato Mondiale 1998 è stato trasmesso su ESPN2. Essendo produttore video del Pro Tour, sono stato di nuovo impegnatissimo. Una delle mie responsabilità era la selezione dei commentatori per i Top 8. Dopo molti tentativi e molti errori, ho trovato il mix perfetto: Brian Weissman per la cronaca delle azioni di gioco e Chris Pikula per il commento. Brian Weissman è noto come creatore di "The Deck," il primo mazzo di Magic che ha ottenuto notorietà. Mi ricordo di quando vivevo a Los Angeles, prima di lavorare in Wizards, e ho viaggiato verso San Francisco per un torneo a cui ho portato varie copie di Fossato da scambiare. Il motivo è che erano giocati nel famoso "The Deck" ed era l'inizio dell'aumento della sua fama, partita proprio dalla città d'origine di Weissman. Io e Weissman siamo diventati amici e sono sempre rimasto affascinato dal suo punto di vista sul gioco.

Uno sguardo alle riprese di ESPN2, tanto tempo fa

Ho potuto conoscere Chris grazie al Pro Tour. Oltre a essere un eccellente giocatore, Chris era un favoloso narratore, in grado di trasformare qualsiasi evento in una indimenticabile commedia. Chris era molto divertente e aveva personalità. Quando ho dovuto trovare dei commentatori, mi sono venuti in mente sia Weissman che Pikula. Ho fatto una prova con entrambi e sono stati eccezionali. Li ho messi insieme ed era perfetto. Per la maggior parte della nostra collaborazione con ESPN2, sono stati i miei commentatori.

Questo racconto ha un altro aneddoto. Il Campionato Mondiale 1998 si svolse da mercoledì 12 agosto a domenica 16 agosto a Seattle, nello stato di Washington. Sabato 15 agosto, la mia unica sorella, Alysse, si è sposata. A Cleveland, nello stato dell'Ohio. La mia famiglia è sempre stata molto vicina, quindi non potevo assolutamente perdere il matrimonio di mia sorella. Però dovevo anche fare in modo che avessimo le riprese necessarie della finale per lo spettacolo su ESPN2. Ho trovato un modo per raggiungere entrambi gli obiettivi.

Sono stato al Campionato Mondiale il mercoledì e il giovedì. Insieme a mia moglie Lora, sono salito su un aereo il venerdì mattina e sono arrivato a Cleveland in tempo per la cena prenuziale del venerdì sera. Il sabato mi sono dedicato a varie attività legate al matrimonio e quella sera ho partecipato alla cerimonia (ho anche accompagnato mia sorella all'altare) e alla festa successiva. Io e Lora siamo poi partiti con il primo aereo possibile della domenica mattina, riuscendo ad arrivare a Seattle alle 10 del mattino, anche grazie al diverso fuso orario. Sono arrivato nella sala dei commentatori durante i quarti di finale.

Per riuscire a far funzionare tutto ciò, ho svolto un gran lavoro di preparazione. Weissman e Pikula erano previsti come commentatori, ma avevo anche previsto un sostituto, nel caso in cui uno di loro non fosse stato disponibile per i Top 8. Appena arrivato a Cleveland il venerdì, ho saputo che Pikula aveva fatto esattamente la stessa cosa. Il mio sostituto era una persona chiamata Randy Buehler. Io e Buehler siamo diventati amici al Pro Tour. In futuro, l'ho raccomandato per lavorare nel team di Ricerca e Sviluppo. Buehler ha fatto una grande carriera ed è anche diventato il mio capo. Proprio come nel caso di Weissman, mi piaceva come Randy parlava del gioco e ho pensato che avesse le qualità per diventare un ottimo commentatore.

Poco dopo il mio arrivo in sala registrazione, ho visto Pikula perdere il suo incontro dei quarti di finale. In quel momento ho compiuto una scelta particolare. Lo spettacolo su ESPN2 aveva una durata di solo mezz'ora. A meno di incontri velocissimi (come nel caso del Campionato Mondiale 1999, ma su questo torneremo tra poco), avevamo di solito la possibilità di mostrare solo la finale. Ciò voleva dire che avrei potuto inserire Pikula. Buehler aveva fatto un buon lavoro (e avrebbe avuto in futuro molte altre occasioni), ma pensavo proprio che Weissman e Pikula fossero la migliore coppia che avevo a disposizione, quindi ho chiesto a Pikula se fosse pronto per commentare le semifinali e la finale. Pikula divenne, e penso che sia ancora oggi, l'unica persona a commentare il Top 8 di un Pro Tour al quale ha anche partecipato. Pikula è andato alla grande e le riprese per ESPN2 sono state eccezionali.

Sui tavoli da gioco, Brain Seldon ha sconfitto Ben Rubin ed è diventato il Campione del Mondo 1998 di Magic. Seldon e Rubin sono americani e hanno portato a termine l'unico en plein del Pro Tour fino a oggi. Anche la squadra statunitense ha vinto, sconfiggendo la squadra francese.

Campionato Mondiale 1999: La rapidità

Il Campionato Mondiale 1999 di Magic si è svolto a Yokohama, in Giappone. Yokohama, per chi non la conosce, è una città nei pressi di Tokyo. Yokohama è una delle poche città che ha ospitato due Campionati Mondiali multipli (l'altro si è svolto nel 2005). Il Campionato Mondiale 1999 è famoso per molti aspetti, ma probabilmente il più importante è che è stato il primo vinto da Kai Budde.

Per chi non avesse seguito la storia del Pro Tour, Kai Budde è un giocatore Pro tedesco che ha il maggior numero di vittorie al Pro Tour: sette. Kai è anche uno dei soli due giocatori ad aver vinto un Campionato Mondiale individuale, un Campionato Mondiale a squadre, un altro Pro Tour e un Magic Invitational (l'altra persona che ha ottenuto questi successi è stata Jon Finkel). Kai Budde è un membro della Magic Pro Tour Hall of Fame ed è stato eletto quasi all'unanimità. Al tempo del Campionato Mondiale 1999, Kai non era ancora così conosciuto. Non voglio dire che Kai fosse sconosciuto. Quell'anno era riuscito a vincere tre Grand Prix europei di fila e a ottenere anche un secondo posto. Era però un volto nuovo per il Pro Tour.

Kai Budde

Il Campionato Mondiale veniva ancora trasmesso su ESPN2, quindi avevo messo insieme la mia squadra di commentatori e li avevo spediti in Giappone. Né Weissman né Pikula hanno partecipato da giocatori al Campionato Mondiale, quindi, diversamente dall'anno precedente, non c'era il rischio di un cambio all'ultimo istante. Pikula doveva lavorare e quindi è arrivato in Giappone appena in tempo, prendendo un volo notturno, ed era esausto.

L'ultimo giorno ha fatto un buon lavoro, raccontando l'intera stagione. Gli Stati Uniti stavano continuando a ottenere grandi risultati, ma c'era una nuova nazione che si faceva strada, la Germania. Sia la finale individuale che la finale a squadre sono state giocate tra gli Stati Uniti e la Germania.

La finale a squadre si è svolta per prima. La squadra statunitense era formata dal capitano e campione nazionale Kyle Rose, insieme a John Hunka, Zvi Mowshowitz e Charles Kornblith. La squadra tedesca era formata dal capitano e campione nazionale Marco Blume, insieme a Rosario Maij, David Brucker e Patrick Mello. Entrambe le squadre vantavano vari giocatori Pro di massimo livello. Il futuro membro della Hall of Fame Zvi Mowshowitz era il più famoso tra gli americani, mentre Patrick Mello era probabilmente il più famoso dei tedeschi. Marco Blume sarebbe poi diventato famoso per le sue imprese insieme a Kai Budde e Dirk Baberowski, nella squadra chiamata Phoenix Foundation, che avrebbe vinto due Pro Tour a squadre, rendendo Marco Blume uno dei pochi giocatori al mondo ad aver vinto almeno due Pro Tour.

I tedeschi erano favoriti sulla carta, ma gli americani avevano perso il Campionato Mondiale a squadre solo una volta (nel 1997) da quando esisteva questa competizione. Alla fine, gli americani sono emersi vittoriosi. Purtroppo per lui, la giocata più indimenticabile dell'intera finale è stata quella di Marco Blume che ha lanciato il suo Drago Avido senza avere artefatti sul campo di battaglia, essendo quindi costretto a sacrificarlo (a sua discolpa, nel turno nel quale si riusciva a giocare il Drago Avido, c'erano sempre artefatti sul campo di battaglia... beh, quasi sempre). Mettendo da parte quella giocata, la squadra tedesca si è comportata ottimamente, ma non al livello degli americani.

Dietro le quinte, avevamo deciso di avere uno spettacolo su ESPN2 per la competizione a squadre e un altro per la finale individuale. Quando i nomi dei finalisti individuali sono risultati l'americano Mark LePine e il tedesco Kai Budde, ci siamo preoccupati che nessuno di questi giocatori fosse particolarmente conosciuto. LePine aveva ottenuto successi al Pro Tour, mentre era il primo Top 8 al Pro Tour per Kai Budde. Avendo visto Budde giocare al Grand Prix Barcellona (l'Invitational si era svolto là) e conoscendo i suoi risultati ai Grand Prix, ho rassicurato tutti che Kai sarebbe stato degno del titolo di Campione del Mondo.

Entrambi giocavano mazzi monorosso. Il mazzo di LePine era più orientato alla distruzione di terre, mentre Kai giocava un mazzo rosso artefatti (lo stesso che utilizzava Marco Blume nell'evento a squadre). Entrambi i mazzi erano incredibilmente rapidi. La prima partita è durata meno di quattro minuti. La seconda partita ha richiesto meno di tre minuti. Entrambe erano state vinte da Budde. Mi ricordo di essere andato al tavolo da gioco prima della terza partita. "Ragazzi, fate con calma", ho detto loro, "non abbiamo fretta".

Ho detto queste parole perché avevamo mezz'ora di spettacolo da riempire e le prime due partite erano terminate in soli sette minuti. Nella partita finale, Budde ha impiegato solo cinque minuti per ottenere la vittoria. Significa che l'intero incontro finale è durato dodici minuti. Mostrando ogni momento dell'incontro e aggiungendo alcune chiacchiere pre partita, la finale non aveva prodotto abbastanza materiale per tutta la durata dello spettacolo. Per completare la mezz'ora abbiamo dovuto aggiungere qualche scena delle semifinali.

Stati Uniti e Germania si sono divise la vittoria ai due eventi principali, ma la Germania si era chiaramente presentata come una nazione da tenere sott'occhio. Negli anni successivi, la Germania e Budde in particolare sarebbero diventati dominanti in un modo mai visto prima.

In tutto il mondo

Il nostro tempo è terminato, quindi gli altri nostri racconti sui Campionati Mondiali dovranno attendere altre settimane dedicate ai Campionati Mondiali. Mi auguro che i racconti di oggi siano stati gradevoli e sono molto interessato alle vostre opinioni. Potete mandarmi una mail o contattarmi attraverso uno dei miei social media (Twitter, Tumblr, Google+, Instagram).

Ci rivediamo tra sette giorni, quando darò un'occhiata alla mia casella di posta.

Nel frattempo, che le vostre partite di Magic possano essere indimenticabili.


"Drive to Work #178—Tribale"

Questo podcast è interamente dedicato al tipo di carta tribale; come lo abbiamo creato, come lo abbiamo utilizzato e perché abbiamo deciso di non utilizzarlo più.

"Drive to Work #179—Branco"

Questo podcast è interamente dedicato alla parola chiave delle creature del set base Alpha che non abbiamo più utilizzato a causa della sua complessità. Oggi ve ne parlo e vi spiego il suo destino.

Latest Making Magic Articles

MAKING MAGIC

18 Gennaio 2021

L'alba di un mondo vichingo, parte 2 by, Mark Rosewater

La scorsa settimana, ho iniziato a raccontarvi la storia della progettazione di Kaldheim. Ho impostato il racconto in modo da suddividerlo negli otto argomenti che abbiamo definito durant...

Learn More

MAKING MAGIC

11 Gennaio 2021

L'alba di un mondo vichingo, parte 1 by, Mark Rosewater

Benvenuti al mio primo articolo di anteprima di Kaldheim. Nell’articolo di oggi e nella seconda parte della prossima settimana vi racconterò la storia della progettazione e vi farò vedere...

Learn More

Articoli

Articoli

Making Magic Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All