KAMIGAWA

Per molte centinaia di anni, gli abitanti di Kamigawa venerarono pacificamente gli spiriti del loro mondo. Poi, all’improvviso gli dei li attaccarono, costringendoli a una guerra brutale.

Questo piano, che ricorda l’epoca Sengoku giapponese, comprende due mondi in simbiosi: l’utsushiyo, ossia il regno materiale, e il kakuriyo, ossia il regno degli spiriti kami. Ogni kami era una divinità e, per vivere una vita serena, era indispensabile onorare questi dei e i loro principi. I cittadini di Kamigawa erano felici e appagati da questa vita di devozione. Poi accadde l’inimmaginabile. Gli dei si rivoltarono contro di loro.

Poco a poco, i kami cominciarono a prendere forma nel mondo materiale. Alcuni studiosi ritenevano che volessero trasmettere un messaggio o un avvertimento. Tuttavia, le loro manifestazioni erano così aliene e surreali che nessuno era in grado di comprenderne il reale significato.

Nel frattempo, il condottiero più potente del piano, il daimyo Takeshi Konda, dominava l’intera pianura di Towabara dalla sua fortezza di Eiganjo. Anche se le armate di samurai al servizio di Konda fortificavano più territori in suo nome, le manifestazioni dei kami aumentavano di numero.

Poi giunse la notte che cambiò la sorte di Kamigawa per sempre. Poco lontano dal Castello Eiganjo, i kami si impadronirono del villaggio di Reito. Miriadi di aberrazioni del regno spirituale misero a ferro e fuoco l’intera cittadina, sterminando qualsiasi essere vivente. Centinaia di abitanti furono uccisi e solo pochi sopravvissero. La Guerra dei Kami era cominciata. Nel corso dei successivi vent’anni, spiriti di ogni forma e dimensione avrebbero attraversato le pianure, distruggendo qualunque ostacolo sul loro cammino.

Per tutto il periodo dell’assedio, Konda restò all’interno della sua fortezza, che rimase misteriosamente intatta.

Le genti di Kamigawa si domandavano perché i kami li avessero traditi, continuando a lottare per la sopravvivenza. Dove avevano sbagliato?

In realtà, era stato l’orgoglioso daimyo Konda a scatenare la guerra. Con l’aiuto di alcuni alleati lunantropi, Konda aveva rapito un kami per assicurarsi potere e immortalità. Questo aveva oltraggiato il grande O-Kagachi, kami di tutte le cose, fomentando un’ira che avrebbe rivendicato innumerevoli vite.

Solo Michiko, la figlia di Konda, e il kami rapito, un’entità che afferma di chiamarsi Kyodai, hanno una speranza di placare i kami restituendo al piano una fragile parvenza di pace.

CREATURE LEGGENDARIE

KONDA, SIGNORE DI EIGANJO

Konda governava Kamigawa protetto dalle impenetrabili mura del castello Eiganjo. Deciso ad assicurare la prosperità del suo regno, attraversò la barriera con il mondo degli spiriti, portando con sé l’immortalità. Questo fece infuriare O-Kagachi, che reagì scatenando una guerra degli spiriti contro i mortali del piano.

SOCIETÀ

SAMURAI DI TOWABARA

Questi samurai proteggono fedelmente il castello Eiganjo. Mantengono la pace su tutta Kamigawa mettendo rapidamente a tacere chiunque osi opporsi a Konda. Per quanto efficienti e capaci di respingere quasi tutti gli attacchi dei kami, non riuscirono a ostacolare l’assalto di O-Kagachi.

RAZZE DELLE CREATURE

SPIRITI (KAMI)

I kami sono il riflesso spirituale di un oggetto fisico nel regno mortale. Quando i kami si manifestano nel mondo materiale, il loro aspetto è caotico e innaturale, ma distinguibile dalle piccole estensioni di essenza spirituale che orbitano intorno a loro.

PLANESWALKER VISITATORI

JACE BELEREN

Jace è un prodigio con una sete di conoscenza a volte pericolosa. È un Planeswalker con abilità di illusione, telepatia e manipolazione della memoria praticamente illimitate.

PER SAPERNE DI PIÙ

ESPANSIONI DI CARTE

CAMPIONI DI KAMIGAWA

Nugoli di bizzarre creature attaccano i samurai nel sonno. I goblin fuggono da rabbiosi spiriti dei ghiacci. Presso la Scuola Minamo, gli studenti di stregoneria combattono senza sosta per contenere un flusso di esseri che si materializzano dal nulla. Kamigawa ora è in guerra: umani contro spiriti.

PER SAPERNE DI PIÙ

Su questo sito sono utilizzati cookie per personalizzare contenuti e pubblicità, fornire funzionalità relative ai social media e analizzare il traffico internet. Cliccando su SÌ, acconsenti a tale utilizzo. (Learn more about cookies)

No, I want to find out more