Il nostro primo torneo

Posted in Beyond the Basics on 23 Febbraio 2017

By Gavin Verhey

When Gavin Verhey was eleven, he dreamt of a job making Magic cards—and now as a Magic designer, he's living his dream! Gavin has been writing about Magic since 2005.

I tornei di Magic sono alcuni dei modi più divertenti per goderci il gioco.

Mi ricordo che il mio primo torneo di Magic è stato in un negozio, circa sedici anni fa. Quando sono entrato, non avevo nessuna idea di che cosa mi stesse aspettando. Stavo per cambiare idea. L’emozione mi ha chiuso lo stomaco. Poi ho fatto un respiro profondo, ho stretto la presa sulle mie carte e ho attraversato la porta d’ingresso.

Come sarebbe stato?

Alla fine, ho scoperto che non c’era nulla di cui preoccuparsi. Tutti i miei dubbi sono svaniti in fretta e mi sono divertito un sacco! Ho giocato e ho incontrato persone che non avrei altrimenti avuto l’occasione di incontrare. Da quel giorno sono tornato ogni settimana.

Facciamo un salto in avanti nel tempo, fino a oggi. Molti dei miei migliori amici e la maggior parte dei ricordi più cari sono legati ai tornei di Magic. Non avrei mai potuto viverli se non avessi fatto un respiro profondo e non avessi attraversato quella porta.

Contemporaneamente, avrei voluto sapere che cosa mi attendeva, prima di entrare.

Magari giocate da molto a Magic, ma non avete mai provato a partecipare a un torneo in un negozio. Magari un torneo ha attirato la vostra attenzione e volete sapere per cosa vi dovete preparare. Magari avete appena scoperto Magic, siete andati al vostro primo torneo e, proprio come me, vi siete sentiti un po’ nervosi.

Questo è ciò che tratterò nell’articolo di oggi: vi spiegherò le basi della struttura dei tornei di Magic nei negozi!

Ora, prima di proseguire, vi devo avvisare che ci saranno sempre delle eccezioni. Sarebbe impossibile raccontarvi proprio tutto ciò che può esistere in ogni negozio al mondo. Vedremo come funziona la stragrande maggioranza dei tornei di Magic che si svolgono nei negozi, come il Friday Night Magic. Se volete informazioni specifiche, chiedete direttamente al negozio in cui pensate di andare.

Terminata l’introduzione, passiamo al discorso serio!

Il formato

Il primo aspetto da scoprire prima di recarci a un torneo è il formato.

Magic ha una grande varietà di modalità di gioco. Diversi formati di torneo portano a stili di gioco leggermente diversi (potete leggere ogni dettaglio qui).

Vi aiuterò molto dicendovi che la maggior parte dei tornei nei negozi saranno nei formati Standard, Booster Draft e Sealed Deck. Sapere quale formato giocheremo servirà per sapere ciò che dobbiamo portare con noi.

Standard è un formato in cui possiamo giocare solo le carte degli ultimi due anni di Magic (potete controllare le espansioni attualmente giocabili nel formato Standard qui). Per questo formato dobbiamo portare il nostro mazzo. Verifichiamo che le carte del nostro mazzo facciano tutte parte del formato. Se abbiamo iniziato a giocare da poco e abbiamo appena comprato carte delle ultime espansioni, il nostro mazzo dovrebbe essere a posto... ma un controllo in più non farà mai male.

Booster Draft e Sealed Deck, d’altra parte, sono formati di torneo molto apprezzati ai quali non è necessario portare nessun mazzo. Al contrario, riceveremo alcune buste e costruiremo il mazzo sul momento.

In un torneo Sealed Deck, apriamo sei buste e dobbiamo costruire un mazzo da 40 carte da ciò che troviamo (oltre a tutte le terre base che vogliamo). Fin qui tutto chiaro. Potete leggere di più sul formato Sealed Deck qui.

In un torneo Booster Draft, riceviamo tre buste e ci sediamo intorno a un tavolo con vari altri giocatori (di solito otto). Apriamo una delle nostre buste, scegliamo una carta per il nostro futuro mazzo da 40 carte e poi passiamo le altre al draftatore alla nostra sinistra. Ripetiamo questo processo finché tutte le carte (e le buste) non sono terminate e non ci troviamo una pila di carte da cui partire per costruire il nostro mazzo. Potete leggere di più sul formato Booster Draft qui.

Usanza è non parlare di ciò che stiamo scegliendo, durante il draft. Per quanto potremmo essere tentati di dire "Con Tezzeret non mi batte nessuno!", quando vediamo Tezzeret il Manipolatore che ci osserva dalla nostra mano, rivelare informazioni su ciò che stiamo draftando potrebbe modificare le decisioni degli altri in un modo non ottimo (e non legale). Dobbiamo trattenere i nostri urli di guerra o di vittoria finché non staremo giocando una partita.

Se non siamo sicuri delle potenzialità del nostro mazzo, i formati Limited sono sempre un ottimo modo per giocare, perché mettono tutti sul campo di battaglia ad armi pari... inoltre, torneremo a casa con un po’ di belle nuove carte.

Se non sappiamo quale formato si giocherà nel negozio dove vogliamo andare, potremo sempre chiamare e chiedere oppure dare un’occhiata al loro sito web, se esiste. Come alternativa, il localizzatore di negozi di Magic è un ottimo strumento per chi è alla ricerca di tornei. Potremo trovare sia un negozio in cui giocare che il formato che vogliamo giocare.

Se ci rechiamo a un torneo come il Friday Night Magic, alcuni negozi potrebbero organizzare tornei di vari formati, non dimentichiamocelo.

Perfetto, abbiamo scelto un negozio e un formato. Abbiamo con noi tutto ciò che dovrebbe essere necessario. Andiamo quindi al negozio, entriamo... e ora?

Nel negozio

Una volta giunti in negozio, la prima cosa che dobbiamo fare è iscriverci al torneo! Potrebbe essere facile trascurare questo passo, ma è fondamentale. L’organizzatore del torneo deve inserire il nostro nome nel suo programma, in modo da poterci abbinare con i nostri avversari.

Troviamo il proprietario del negozio e gli diciamo che vogliamo iscriverci. Probabilmente dovremo pagare una quota di iscrizione al torneo (vari negozi organizzano tornei gratuiti in formato Standard). La quota va a coprire il montepremi, le buste (se giochiamo un torneo Booster Draft o Sealed) e ci garantisce che il torneo venga gestito al meglio. Poi, probabilmente ci verrà posta questa domanda: "Qual è il tuo numero DCI?".

Il numero DCI è un numero di tessera che viene utilizzato per tenere traccia dei nostri risultati. È ottimo, perché ci permette di vedere tutti gli eventi che abbiamo giocato in carriera; posso ritrovare il primo evento a cui ho partecipato sedici anni fa e leggere con chi ho giocato! (Lo faccio a volte, quando vengo preso dalla nostalgia) Per il negozio è importante, per poterci inserire nel programma di gestione tornei. Se non abbiamo un numero DCI... che è probabile, dato che siamo al nostro primo torneo... ottenerne uno è decisamente facile. È sufficiente collegarci a accounts.wizards.com e iscriverci! È un processo semplice. Possiamo farlo anche prima di entrare in un negozio.

Perfetto, una volta iscritti, siamo a posto. Ora possiamo dare un’occhiata al negozio, in attesa dell’inizio dell’evento. È anche un’occasione per incontrare altre persone, magari fare un po’ di pratica o rilassarsi. A un certo punto, il torneo avrà inizio.

Se il formato è Booster Draft o Sealed Deck, all’inizio riceveremo le buste e dovremo costruire il nostro mazzo. Se invece il formato è Standard, allora inizieremo subito a giocare. In ogni caso, prima o poi inizierà il primo turno.

Che cosa significa "turno"?

Benvenuti al primo turno

La grande maggioranza dei tornei di Magic si svolgono con un metodo di "abbinamenti alla svizzera"; significa che giocheremo un determinato numero di turni nel corso del torneo. Non sarà a eliminazione diretta. Questo è molto importante; ho visto molti giocatori andare via dopo aver perso un incontro, quando avrebbero potuto continuare a giocare per tutta la serata!

Per sicurezza, chiediamo sempre informazioni al negoziante. A volte ci saranno tornei come draft a eliminazione diretta, ma di solito si gioca con il metodo di svizzera. Potremo giocare tutti i turni del torneo. Nei negozi si giocano di solito tra tre e cinque turni, ma potrebbe cambiare a seconda del tipo di torneo.

Ah, la cara vecchia svizzera.

Come funziona un turno? Ogni turno giochiamo un incontro al meglio delle tre partite con un avversario. Ci troviamo di fronte un altro partecipante e giochiamo almeno due partite, forse tre.

L’organizzatore del torneo annuncerà gli abbinamenti del turno a voce oppure appenderà al muro un foglio con i nomi dei partecipanti. Cerchiamo la persona indicata di fianco al nostro nome... sarà il nostro avversario! Alcuni negozi utilizzano tavoli numerati, quindi dobbiamo controllare il nostro numero, per andare a giocare al tavolo giusto.

Chiacchieriamo e conosciamo il nostro avversario! I minuti in cui mescoliamo i mazzi per la prima partita sono un ottimo momento per scoprire la sua esperienza in Magic.

Perfetto. Che cosa dobbiamo aspettarci ora dall’incontro? Vediamo alcuni concetti di base.

Dopo aver terminato di mescolare il nostro mazzo, lo dobbiamo passare al nostro avversario, che lo mescolerà. Questa è un’abitudine di torneo e anche noi dobbiamo mescolare il suo mazzo. Non è un gesto scortese e non significa affatto che pensiamo che il nostro avversario stia imbrogliando. Sarà molto improbabile incontrare qualcuno che sta davvero manipolando il proprio mazzo. Mescolare il mazzo dell’avversario è una procedura utile ed è anche previsto dalle regole dei tornei.

E ora? Ora si gioca!

Dopo la prima partita possiamo utilizzare il nostro sideboard.

No, non quel tipo di sideboard. Un sideboard di Magic!

In Booster Draft o Sealed Deck, il sideboard è formato da tutte le carte che non abbiamo inserito nel mazzo principale. In Standard, si tratta di un insieme di quindici carte che abbiamo deciso di portare con noi al torneo. È un modo per modificare il nostro mazzo affinché sia più forte contro il nostro avversario. Per esempio, se il nostro avversario gioca molti artefatti, potremmo aggiungere al mazzo delle carte che hanno un effetto contro gli artefatti.

Dopo che avremo terminato l’incontro, aspetteremo l’inizio del turno successivo. Come prima, è un ottimo momento per incontrare persone, giocare amichevoli, scambiare carte, rilassarci o ciò che preferiremo fare. L’organizzatore del torneo ci avviserà quando sarà ora di iniziare il secondo turno.

Se a un certo punto dovremo andar via, ricordiamoci di dire all‘organizzatore del torneo che vogliamo ritirarci dal torneo. Ci auguriamo di non dover andar via prima, ma potrà capitare che dovremo a volte andare via prima della fine.

Bene. Ci sono altri concetti utili da conoscere.

Per prima cosa, un semplice consiglio: dobbiamo utilizzare sempre carta e penna per segnare i punti vita. Potremmo essere abituati a utilizzare un dado a venti facce. Quei dadi sono dei meravigliosi congegni che anche io uso sempre.

Tuttavia, a un torneo è un’ottima idea poter avere accesso ai punti vita del nostro avversario scritti su carta. In questo modo non dovremo chiedere in continuazione a lui. Potremo anche usare il foglio per prendere appunti, per esempio su ciò che abbiamo visto in mano al nostro avversario grazie al nostro Scrutinio Severo. Se dovessimo avere dei dubbi sui punti vita, sarà ottimo poter controllare su carta... mentre un dado potrebbe facilmente rotolare.

Secondo, se dovessimo avere qualsiasi dubbio su qualsiasi cosa, dobbiamo chiamare un arbitro. Alziamo la mano e diciamo a voce alta "judge"; la persona che gestisce il torneo verrà ad aiutarci.

Chiamare un arbitro non è irrispettoso nei confronti dell’avversario e non è un segno che pensiamo che lui stia imbrogliando o che ci sia una qualche debolezza da parte nostra. È semplicemente il modo giusto per gestire le situazioni. Magic ha molte interazioni complicate e ai tornei si possono presentare situazioni insolite.

Per esempio, immaginiamo di lanciare il nostro Shock su una creatura con anti-malocchio del nostro avversario. Ce ne accorgiamo dopo un turno. A casa, dobbiamo metterci d’accordo con il nostro avversario su un modo per rimediare all’errore. Al torneo, possiamo lasciare il compito all’arbitro. In questo modo possiamo contare su un punto di vista imparziale da parte di una persona che è esperta in questo tipo di situazioni.

Perfetto, ho ancora un’informazione importante relativa ai tornei. Diversamente dalle partite che giochiamo a casa, i tornei di Magic devono svolgersi a un ritmo che permetta che finiscano all’orario definito. Un turno può avere inizio solo dopo che il precedente è terminato. Significa che gli incontri hanno un tempo limite. Non dobbiamo sentirci sotto pressione; il tempo è raramente un problema. Abbiamo ben 50 minuti per ogni incontro.

Se dovessimo arrivare al termine del tempo senza un vincitore, giocheremo altri cinque turni. Alla fine dell’ultimo di questi cinque turni, l’incontro termina. Il giocatore che ha vinto più partite è il vincitore dell’intero incontro. Se siamo invece sul punteggio di 1-1 (capita spesso, se non finiamo l’incontro in tempo), il risultato è di parità. Non vengono presi in considerazione i punti vita o altri elementi di gioco, durante la porzione di svizzera del torneo.

Che cosa vuol dire un pareggio? Ottima domanda!

I risultati

Nel sistema di svizzera, il punteggio è molto semplice: otteniamo 3 punti per ogni vittoria, 1 per ogni pareggio e 0 per ogni sconfitta. Per esempio, se abbiamo vinto due incontri e ne abbiamo persi altri due, abbiamo ottenuto 6 punti.

Ai tornei in negozio, il sistema dei premi è di solito uno tra due: in base alla posizione in classifica finale oppure in base al punteggio finale. Possiamo chiedere all’organizzatore del torneo quale sistema di premi avrà il torneo.

In alcuni tornei potrebbe esserci una fase che viene chiamata "Top 8". Significa che, dopo il termine dei turni di svizzera, i primi 8 giocatori in classifica si qualificano per una fase a eliminazione diretta, che assegnerà premi addizionali e gloria. Se ci siamo qualificati per la Top 8, stiamo andando alla grande! Se non ci siamo qualificati, possiamo andare via; non è necessario rimanere (possiamo comunque rimanere, se vogliamo. Uno dei modi più efficaci per migliorare è osservare come giocano gli altri!).

Buon torneo a tutti!

Mi auguro che questo articolo vi abbia fatto scoprire qualcosa in più di ciò che potete aspettarvi al vostro primo torneo in negozio. Se non ne avete mai giocato nessuno, vi consiglio caldamente di provare.

Avete dei dubbi? Chiedete agli altri! I giocatori di Magic sono generalmente ben disposti nei confronti degli altri. Se non siete sicuri di come funzionano alcuni aspetti di un torneo, cercate qualcuno che vi aiuti. In fondo, c’è stata una prima volta per ognuno di noi.

Questo articolo vi è stato utile? Vorreste leggerne altri come questo? Pensate che possa essere utile un articolo sul primo torneo di alto livello, come un Grand Prix? Fatemi sapere! Mandatemi un tweet, una domanda sul mio Tumblr, o una mail (in inglese) a BeyondBasicsMagic@gmail.com.

Ci rivediamo la prossima settimana. La vostra missione nel frattempo sarà trovare un torneo e divertirvi! Poi fatemi sapere come è andato.

Buon divertimento e a presto,

Gavin
@GavinVerhey
GavInsight

Latest Beyond the Basics Articles

BEYOND THE BASICS

20 Luglio 2017

Il tocco della morte by, Gavin Verhey

Abbiamo fatto molta strada dal Basilisco dei Boschi. Il Basilisco dei Boschi, che fa parte della Limited Edition (Alpha), aveva una versione preliminare di tocco letale e per noi è una...

Learn More

BEYOND THE BASICS

13 Luglio 2017

Draftare le carte da sideboard by, Gavin Verhey

Quando sentiamo la parola "sideboard", probabilmente pensiamo ai mazzi da 60 carte. Pensiamo alle nottate dedicate alla scelta attenta di quelle precise quindici carte che possiamo aggiun...

Learn More

Articoli

Articoli

Beyond the Basics Archive

Desideri maggiori informazioni? Esplora gli archivi e naviga tra migliaia di articoli su Magic a cura dei tuoi autori preferiti.

See All